Come fare l'intonaco

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La realizzazione di un buon intonaco e la sua corretta applicazione sul muro sono due passi fondamentali per un ottimale esito dei lavori. Sebbene sia facilmente reperibile nei negozi specializzati, è possibile prepararlo anche con il fai-da-te prestando le dovute attenzioni alle materie prime che lo costituiscono e alle vari fasi della procedura.
Ecco alcuni consigli utili su come fare l'intonaco, ottenendo un buon risparmio economico senza rinunciare alla qualità e alle prestazioni.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • 1 manara metallica
  • 1 frattazzo con superficie spugnosa
  • 1 frattazzo generico per lisciare
  • 1 cazzuola
  • malta pronta oppure ingredienti per prepararla (1 parte di calce, 1,5 parti di sabbia di fiume e acqua)
36

Elemento fondamentale dell'intonaco è la malta, che può a sua volta essere preparata in casa reperendo il materiale necessario e con i dovuti accorgimenti.
Per realizzarla occorre munirsi di sabbia di fiume molto fine e priva di granelli, i quali potrebbero pregiudicare il risultato finale in superficie.
Per l'impasto, le dosi consigliate in volume sono quelle di 1 parte di calce da mescolare con 1,5 parti di sabbia. Man mano è bene aggiungere acqua per favorire morbidezza e pastosità all'impasto, ma senza renderlo troppo liquido.
Per fare una fascia di intonaco serve quindi bagnare un po' il muro e prelevare una porzione di malta dall'impasto posandola sul vassoio (o frattazzo) tenuto in orizzontale.
Fatto ciò si passa la malta sulla parte superiore della cazzuola e si applica l'impasto al muro, nello spessore che si desidera.
Successivamente si appoggia il listello in verticale sopra la fascia muovendolo in alto e in basso per lisciare la superficie rendendola omogenea e piatta.

46

La malta per realizzare l'intonaco, preparata con il fai-da-te mescolando calce, sabbia e acqua, richiede però di munirsi dei giusti attrezzi per ottenere una corretta intonacatura e non vanificare tutto il delicato lavoro.
Nel dettaglio occorrono: una manara in metallo adatta a lisciare le malte, un frattazzo dalla superficie spugnosa per le operazioni di finitura ed un altro generico per lisciare l'intonaco.
Quello classico viene generalmente steso avvalendosi di una piccola cazzuola.

56

Guarda il video

Continua la lettura
66

Poiché molte superfici murarie, specie quelle più vecchie o da ripristinare, sono irregolari, è opportuno preparare bene il muro a ricevere l'intonaco. Su di esso vanno messi a punto dei riferimenti di spessore attraverso l'uso di listelli a piombo, sui quali si fa passare quello di livellamento. La cavità che si forma va poi riempita con malta di cemento a partire dall'alto.
L'intonacatura va eseguita prelevando una quantità di impasto adeguata (circa metà cazzuola), gettandola sul muro favorendone l'adesione.
La cosa migliore è sempre quella di iniziare dal pavimento e di procedere via via verso il soffitto.
Si continua a procedere per fasce, lavorando per zone, fino a che abbiano tutte lo stesso spessore di intonaco e risultino perfettamente inglobate da esso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come realizzare l'Intonaco per l'affresco

La tecnica dell'affresco non è una semplice pittura su muro, ma un procedimento pittorico che richiede una preparazione specifica dell'intonaco. Su questo, andremo ...
Ristrutturazione

Come rifare l'intonaco crollato

C'è stata una scossa di terremoto a casa vostra o qualche infiltrazione di acqua ed un pezzo di intonaco è crollato da una parete ...
Esterni

Come restaurare un intonaco antico

L’intonaco è una parte integrante di ogni edificio; esso può essere antico oppure moderno. In entrambi i casi deve essere salvaguardato in quanto ha ...
Ristrutturazione

Come riparare l'intonaco staccato dalle pareti

Desideri rinnovare l'aspetto della tua casa dando una bella rinfrescata alle pareti ma ti ritrovi con il classico inconveniente dell'intonaco staccato per via ...
Ristrutturazione

Come eliminare le crepe dai muri

Spesso in una casa si presentano delle crepe sui muri, dovuti a cedimenti piccoli della struttura, oppure all'umidità, ma talvolta può dipendere anche da ...
Ristrutturazione

Come rimediare alle crepe sul muro

Il manifestarsi di crepe e di fessure in un muro, in una struttura di cemento, in un pilastro, non deve mai essere sottovalutato. Generalmente si ...
Ristrutturazione

Pareti: come decorare l'intonaco

Quando eseguiamo dei lavori di ristrutturazione per la nostra casa, vogliamo sempre che siano realizzati al meglio. Le nostre pareti devono essere eleganti, accoglienti e ...
Ristrutturazione

Come stendere l'intonaco sul muro

A volte si può decidere di intonacare un muro della propria casa, ma non si ha un'idea di cosa fare. Leggendo questo tutorial si ...
Ristrutturazione

Come rifinire una parete in gesso

Per rifinire una parete di gesso è consigliato impiegare l'intonaco; questo tipo di lavoro richiede molta pratica, per ottenere una finitura liscia. Seguite con ...
Ristrutturazione

Come fare un buon intonaco

Se su una parete abbiamo l'intonaco che si sta sgretolando giorno per giorno, magari a seguito dell'umidità, possiamo rimediare intervenendo con una nuova ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.