Come essiccare le melanzane

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Conservare la frutta e la verdura di stagione può essere un modo per mangiare alimenti con ottime qualità nutrizionali. Così facendo si ha la possibilità di risparmiare tempo e denaro. Essiccare le verdure è un processo estremamente semplice che dà la possibilità di ottenere un prodotto finale versatile. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile essiccare le melanzane.

25

Essiccazione al sole

L'essiccazione può avvenire sottoponendo l'alimento a forte calore; questo procedimento ha il vantaggio di essere veloce, ma inevitabilmente rovina le qualità nutrizionali. La melanzana è ricca di calcio, fosforo, vitamine, potassio, fibre ed è povera di grassi. Per mantenere intatte le sue qualità è opportuno procedere con l'essiccazione tradizionale, cioè bisogna esporre le verdure all'azione dell'aria e del sole.

35

Come eliminare l'acqua

Si devono prendere le melanzane, lavarle e togliere le estremità. Successivamente si devono tagliare tutte dello stesso spessore, cioè di circa 1 cm. Se è possibile questa operazione va fatta con un'affettatrice; in questo modo si può ottenere un taglio abbastanza preciso. Se le melanzane sono particolarmente grandi si devono tagliare a metà prima di farle a fette. A questo punto si devono mettere sulla griglia; poi, si devono cospargere di sale per eliminare l'acqua.

Continua la lettura
45

Metterle sulla griglia

È opportuno farle riposare almeno una notte; poi, si sciacquano, si asciugano e si mettono sulla griglia. Successivamente si deve portare la griglia in un luogo aperto e ben ventilato. In seguito si devono coprire con un velo leggero (tenuto alzato con un bastoncino posto al centro) per proteggerle dal contatto con eventuali insetti e polvere. Poi, si devono girare le melanzane almeno ogni 2 giorni. Il processo ha una durata che varia dai 10 ai 25 giorni; dipende dalla grandezza delle fette e del calore a cui sono sottoposte.

55

Farle macerare

In alternativa si possono far macerare in acqua, sale e limone per una notte oppure per 12 ore. In seguito si mettono un vassoio e si espongono al sole per un giorno. Bisogna coprire le melanzane con un canovaccio di cotone durante la sera. Il giorno dopo si devono girare dall'altro lato; è consigliabile ripetere il procedimento per circa un mese o fino a quando le melanzane raggiungono la consistenza di un biscotto. In caso di pioggia bisogna portare le melanzane in una stanza ventilata. Le melanzane essiccate vanno conservate in barattoli di vetro chiusi ermeticamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come togliere il nero delle melanzane dalle mani

Gli ortaggi e le verdure sono gli ingredienti che non possono mancare assolutamente nelle ricette creative che vengono preparate da tutti gli italiani, e non solo. Coloro che preparano il pranzo e la cena, sanno benissimo che dietro ad un buon piatto...
Esterni

Come raccogliere e conservare i semi degli ortaggi

Avere un orto casalingo permette di alimentarsi con frutta e verdura controllata e priva di sostanze chimiche. Nella seguente guida infatti, attraverso una serie di utili e semplici passaggi, vi illustrerò nella maniera più semplice e rapida possibile...
Economia Domestica

Come fare in casa le conserve di verdure e ortaggi

Quando al mercato acquistiamo delle cassette di verdura e ortaggi, ed intendiamo farne delle conserve, è importante attenersi a piccole regole, affinché l'operazione abbia un buon successo. In questa guida a tale proposito ci sono alcuni consigli...
Economia Domestica

Come essiccare in casa la frutta

L'essiccazione, naturale o con macchinari specifici, consente di non sprecare nulla. Metodo di conservazione antichissimo, non prevede ulteriori ingredienti come sale, olio, zucchero o aceto. Frutta e verdura non alterano i valori nutrizionali o la loro...
Economia Domestica

5 consigli per non buttare gli scarti delle verdure

Scartare e buttare il cibo è uno degli errori più comuni commessi da tutte le persone che amano cucinare in abbondanza, ma anche da chi non ha la minima sensibilità nel buttare qualsiasi tipologia di alimento. Esistono svariati modi di poter salvare...
Economia Domestica

Come essiccare e conservare le piante aromatiche

Se desideri conoscere delle valide tecniche per essiccare e conservare efficacemente le tue piante aromatiche, ti consiglio di leggere con attenzione i pochi consigli di questo tutorial, perché ti fornirò alcuni semplici consigli apparentemente banali...
Economia Domestica

Come essiccare le fette di arance

Le fette di frutta secca come quelle dell'arancia sono un ottimo modo per conferire alla nostra casa un aspetto rustico e naturale. Ma oltre a questo, sono fragranti e possono essere aggiunte alle miscele di pot-pourri, ghirlande e festoni. Inoltre, possono...
Economia Domestica

Come essiccare il rosmarino

Il rosmarino è una delle spezie più usate e buone che si possano avere per condire i cibi. Viene venduto sia in piante fresche che a pezzetti e gia' essiccato. Ma alle volte si puo' essiccare per conto proprio.Saporitissimo e profumato, il rosmarino...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.