Come eliminare le incrostazioni del water

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Quando si deve effettuare la pulizia del bagno di casa, spesso si considera un'operazione non piacevole da compiere, sia a causa dell'impegno che richiede, che per colpa di alcune macchie più resistenti e difficili da togliere. Queste riguardano soprattutto il water, dove ci possono essere incrostazioni che corrodono e lesionano la sua ceramica. Per risolvere e prevenire tale problema, si possono seguire i consigli di questo articolo, su come eliminare le incrostazioni del water, utilizzando dei semplici rimedi per far splendere di nuovo i sanitari del proprio bagno.

25

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • lisoformio
  • acido disincrostante
  • candeggina
  • guanti in gomma
  • spazzola a setole rigide
  • acido citrico
  • bicarbonato
35

Come succede in tutti i casi di manutenzione, anche per le incrostazioni del water vale il detto "prevenire è meglio che curare". L'ideale sarebbe, infatti, usare periodicamente prodotti che evitino la formazione delle incrostazioni, ma spesso capita di dimenticarsene. Nel caso in cui le incrostazioni siano piuttosto profonde e resistenti, si necessiterà di: guanti in gomma, una spazzola in plastica con setole spesse e resistenti, un prodotto ad alta acidità specifico per incrostazioni, che sia ad alta viscosità per restare il più possibile lungo i bordi del water, ad esempio prodotti in gel.

45

Fare questa operazione di sera quando il bagno non servirà a nessuno, e versare una grande quantità di acido lungo i bordi del water. Cercare di arrivare anche alla parte più interna, quella dove ci sono i fori per il passaggio dell'acqua. Lasciare agire durante la notte ed al mattino, indossando i guanti, usare la spazzola per togliere tutte le incrostazioni, strofinando in maniera decisa. Una volta pulito il water, dedicarsi alla fase di manutenzione dei sanitari almeno due volte a settimana usando il lisoformio per disinfettare, e la candeggina, per scrostare e sbiancare.

55

Se invece si vogliono usare dei rimedi naturali, esiste un metodo ecologico: procurarsi perciò un flacone spray vuoto e versarci dentro 150 grammi di acido citrico, che si può comprare in farmacia, in erboristeria o nei negozi di prodotti biologici. Aggiungere un litro di acqua tiepida demineralizzata e agitare. Spruzzare la soluzione sulle pareti del wc e lasciare agire tutta la notte. La mattina successiva strofinare con forza la superficie utilizzando una spugna e risciacquare. Altra soluzione consiste nel creare una pasta di bicarbonato ed acqua unendo tre parti di polvere di bicarbonato e una di acqua, utilizzarla su una spugna per sfregare le pareti del wc e poi risciacquare.

Potrebbe interessarti anche

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti