Come eliminare la vernice con lo sverniciatore

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'estate è il momento più favorevole per procedere con piccoli interventi di ristrutturazione in casa, come riverniciare porte e finestre, o addirittura metter mani su un vecchio mobile al fine di ricondurlo ai suoi antichi splendori. La possibilità di aprire le finestre o anche di utilizzare terrazze e balconi per svolgere queste operazioni ci permette di ricorrere, in tutta sicurezza, al nostro fidato e indispensabile sverniciatore, che in locali chiusi e angusti sarebbe davvero impossibile adoperare. A tale proposito, nei passaggi successivi di questa guida ci occuperemo di vedere quali sono i metodi e le procedure più efficaci per riuscire a eliminare la vecchia vernice dalla mobilia mediante l'utilizzo dello sverniciatore.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Sverniciatore chimico o elettrico
  • Raschietto
  • Guanti, mascherina e occhiali protettivi
  • Phon da carrozzeria (opzionale)
36

Innanzitutto è necessario dotarsi di uno sverniciatore chimico. Questo è facilmente reperibile presso qualsiasi negozio di ferramenta, e lo si ritrova all'interno di barattoli metallici da circa un litro, con un costo che varia dai 15 ai 20 Euro. Si tratta di un prodotto liquido o gelatinoso che va usato con molta cautela, utilizzando guanti, mascherina e occhiali protettivi, poiché qualora venisse a contatto con zone sensibili del nostro corpo potrebbe risultare estremamente irritante. Una volta che avremo scelto la superficie che vogliamo sverniciare, spennelliamola abbondantemente con l'aiuto di un pennello. Si consiglia di utilizzare un pennello di medie dimensioni, in maniera tale da facilitarsi quanto più possibile il lavoro, ricordandoci oltretutto che, trattandosi di un acido, il pennello non potrà essere riutilizzato in seguito per eseguire altre tipologie di lavori. A questo punto dobbiamo attendere che il prodotto agisca. In commercio sono disponibili vari tipi di prodotti simili a questo, e ognuno si essi possiede i suoi tempi di azione, quindi dovremo consultare le indicazioni presenti sul barattolo per sapere quanto ci toccherà attendere. Sarà comunque possibile monitorare l'azione osservando cosa accade alla vernice trattata. Bollicine e increspature non tarderanno infatti ad affiorare su di essa, segno che il prodotto sta agendo correttamente.

46

Passiamo ora a vedere meglio quella che è la rimozione vera e propria della vernice. Una volta che avremo lasciato agire il prodotto per il tempo indicato, la nostra vernice risulterà essere bella morbida e vischiosa, oltre al fatto che sarà facilmente asportabile. È possibile che alcune parti di essa non presentino delle modificazioni significative, e in questo caso sarà sufficiente spennellare di nuovo con il prodotto e lasciarlo agire il tempo necessario. A questo punto prendete un raschietto e provvedere a rimuovere tutta la vernice, che verrà via davvero facilmente. Prestate molta attenzione durante questa operazione e ricordatevi di utilizzare guanti e mascherine anche in questa fase, per evitare l'insorgenza di pericolose inalazioni. Una volta che avrete sverniciato tutta la vostra superficie, lavatela abbondantemente con dell'acqua così da rimuovere i residui dello sverniciatore. Una volta asciugato, il vostro mobile sarà finalmente pronto per ricevere gli opportuni interventi di ristrutturazione che avevate programmato.

Continua la lettura
56

Qualora l'azione dello sverniciatore non fosse stata sufficiente per rimuovere completamente tutta la vernice, è possibile utilizzare un altro valido metodo per portare a termine il nostro lavoro. Si tratta di ricorrere al classico Phon da carrozzeria, altrimenti conosciuto con il nome di "Pistola termina". Si tratta di uno strumento elettrico, venduto presso le ferramenta, a costi che possono essere contenuti o meno in base alla tipologia e alle caratteristiche. Il suo funzionamento è molto semplice: è uno strumento in grado si emettere un forte getto d'aria calda che va a dilatare la vernice facendola così staccare dalla superficie. Questo è un metodo molto più rapido rispetto agli altri, ma che richiede comunque molta cautela durante l'esecuzione. Anche in questa fase, infatti, è consigliato l'utilizzo dei guanti che, oltre al farci evitare una dolorosa scottatura, permetteranno di ridurre al minimo il contatto diretto con le sostanze chimiche. Obbligatoria, invece, risulta essere la mascherina, in particolar modo se si sta agendo su vernici molto datate, dove più facilmente potrebbero essere individuabili delle sostanze tossiche, come per esempio il piombo, che era molto utilizzato per certi tipi di materiali. Dopo che avrete adoperato il phon si potrà procedere, come abbiamo visto precedentemente, con un raschietto per andare così a trattare la superficie con più attenzione, rimuovendo anche i piccoli residui di vernice. Mettendo in pratica questo metodo la rimozione della vernice sarà sicura e, una volta conclusa l'operazione, potremo finalmente dedicarci a riverniciare e restaurare il nostro mobile.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nell'utilizzare lo sverniciatore elettrico, fate attenzione a non bruciare la superficie sotto la vernice.
  • Utilizzate la mascherina per evitare inalazioni dannose.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come riverniciare gli scuri delle finestre

In questa guida, che abbiamo deciso di proporvi, vogliamo mettere in pratica un lavoretto fai da te, davvero unico e speciale! Cercare di capire come ...
Esterni

Come riverniciare gli scuri delle finestre

In questa guida, che abbiamo deciso di proporvi, vogliamo mettere in pratica un lavoretto fai da te, davvero unico e speciale! Cercare di capire come ...
Ristrutturazione

Come verniciare una serranda zincata

La serranda generalmente è una chiusura avvolgibile utilizzata nei negozi, per la chiusura delle vetrine, nei garage e nelle abitazioni civili per la chiusura delle ...
Ristrutturazione

Come riverniciare una persiana di legno

Le persiane di legno rappresentano degli infissi molto belli dal punto di vista estetico ed al tempo stesso abbastanza eleganti. Tuttavia, presentano un fastidiosissimo e ...
Arredamento

Come rinnovare lo stile del comò

Per comodità, ma soprattutto per risparmiare, siamo costretti a rivolgerci ai negozi di massa per poter arredare la casa. Dappertutto troviamo gli stessi anonimi mobili ...
Pulizia della Casa

Come rimuovere la vernice da superfici plastiche

All'interno di questa breve guida, andremo a trattare un tema che vi sarà molto utile in casa vostra, parleremo di rimozione di vernici. Nel ...
Ristrutturazione

Come Sbiancare un mobile prima del restauro

Un mobile è un oggetto che ha bisogno di molte più cure di quanto si possa pensare: dopo anni passati rinchiuso in quattro mura, ad ...
Ristrutturazione

Come Sverniciare E Levigare Una Finestra In Legno

All'interno della presente guida, come avete avuto l'opportunità di comprendere immediatamente tramite la lettura del titolo della stessa, ci occuperemo di fai da ...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta esterna o un portale di legno

Quando una porta esterna o un portale di legno comincia ad essere danneggiato a causa delle intemperie e magari presenta anche dei buchi, non occorre ...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile antico

Molto spesso pensiamo che far restaurare quel mobile antico ereditato dai nonni, o comprato al mercatino delle pulci, ci possa costare davvero troppo e ci ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.