Come eliminare la ruggine dal camino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nella guida che segue si desidera aiutare tutti i lettori e lettrici a capire come poter eliminare la ruggine dal camino. Cercheremo di far riferimento al metodo del fai da te, attraverso cui potrete mettere in pratica la vostra manualità e voglia di fare, nel modo più semplice possibile. Chi avesse in casa il camino saprà davvero molto bene che anche lì ci vuole un bel po' di manutenzione, per poterlo tenere sempre in tatto e nuovo. L'arrugginimento dell'intonaco esterno si deve accuratamente togliere almeno per una zona di venti o trenta centimetri più larga della macchia che denuncia l'arrugginimento. Infatti vanno grattate sino ad una certa profondità. Vediamo quindi insieme come come fare. Preparate tutto il materiale occorrente e iniziate.

26

Occorrente

  • creta di spagna
  • colla fluida, emulsione plastica
  • malta antsolforica
36

Come prima cosa devono essere grattati i connettori in calce fra pietra e pietra. Successivamente procedete strofinando le incrostazioni di ruggine sulla muratura con una miscela di creta di Spagna e di tetracloruro di carbonio. Dopo l'asciugamento di essa, dovete cercare di continuare a strofinare, in modo esatto, con l'utilizzo della spazzola di acciaio. Questa tipologia di procedimento dovrà essere ripetuta per almeno due o tre volte, sino a quando non verranno eliminati del tutto i residui, che sono presenti all'interno del vostro vecchio camino.

46

Cercate di ricreare i connettori della muratura con l'utilizzo della malta speciale, che sarà costituita da una parte di malta antisolforica, due parti di calce idrata e nove parti di sabbia, il tutto dovete scioglierlo in una parte di colla fluida da muro, dieci parti di emulsione di materia plastica e venticinque parti di acqua; le fascette di sostegno, qualora fossero presenti, devono essere proprio leggermente coperte con dell'altra miscela composta.

Continua la lettura
56

Realizzate poi una parte la malta antisolforica, una parte di sabbia fine, una parte di emulsione plastica e una parte di acqua; infine occorrerà rifare l'intonaco, il quale dovrebbe essere dello spessore di circa due centimetri e composto da una parte dovete sempre utilizzare la malta antisolforica, tre parti di sabbia, una parte di colla fluida da muro, venti parti di emulsione plastica e venti parti di acqua. Vedrete subito, dopo questo vostro lavoretto fai da te, che eseguendo tutto ciò vi troverete davvero molto bene, riuscendo anche a mantenere ben pulito ed anche del tutto efficace il vostro caminetto, che riscalderà le giornate più fredde della vostra vita in casa. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Basta davvero poco e con un pò di pazienza e tanta buona volontà, sarete in grado di realizzare un lavoro davvero unico e molto originale!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come restaurare un camino antico

I camini in un casa forniscono luce, calore e punti focali nelle camere in cui si trovano. Tuttavia, nel corso del tempo le finiture e le decorazioni originali, specie se si tratta di strutture antiche tendono a sfaldarsi, per cui è necessario intervenire...
Esterni

Come costruire un caminetto per esterni

Con un po' di pazienza e con una somma economica poco elevata, è possibile realizzare autonomamente un camino per esterni, creando così nel proprio spazio un oggetto davvero bello e funzionale, capace di conferire al giardino un aspetto ancora più...
Pulizia della Casa

5 modi per pulire la ghisa del caminetto

La griglia del camino, a causa di un uso inappropriato, può spesso rovinarsi e sporcarsi. Quando cucinate della carne all'interno del camino per esempio, la griglia del camino può riempirsi di grasso, corrodersi e arrugginirsi rovinandosi completamente.Esistono...
Arredamento

Idee per rendere abitabile un rustico

Vivere in una casa rustica è diventato un sogno per tutte quelle persone che, stressate dai ritmi incessanti del lavoro e del caos cittadino, ricercano un momento di pace e serenità in abitazioni collocate in campagne verdeggianti e piacevoli. La parola...
Ristrutturazione

Come imbiancare un camino di mattoni

Ristrutturare casa è sempre un-esperienza molto interessante e formativa. Sicuramente scegliere di sistemare da se la propria dimora è una scelta audace, ancor più ai nostri giorni. Sempre più persone nell'ultimo decennio hanno deciso di abbandonare...
Arredamento

Come Scegliere Il Camino

Quando arriva l'inverno è sempre un piacere avere un camino acceso, attorno al quale magari riscaldarsi e rilassarsi. Ovviamente non sempre si ha la fortuna di possederne uno. Ad ogni modo qualora avessimo la possibilità di poterlo inserire nella nostra...
Arredamento

Pareti ai lati del camino: idee decorative

Se in casa abbiamo un camino e il design delle pareti ai lati ci pare non adeguato e piuttosto spoglio, possiamo abbellirle sfruttando alcune idee in merito. La decorazione deve ovviamente essere adeguata, per cui a seconda della tipologia di struttura,...
Esterni

Come chiudere una canna fumaria

La canna fumaria di un camino ha il compito di smaltire verso l'esterno i fumi prodotti dalla combustione del fuoco mettendo così in comunicazione due zone d'aria a temperatura diversa, quella esterna e quella interna. La forte depressione che si crea,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.