Come eliminare l'odore di muffa dal bucato

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quante volte capita che, pur avendoli lavati con cura, gli asciugamani continuino a non avere un bel profumo e puzzano invece di muffa? Questo succede perché rimanendo umidi per molto tempo la muffa si infila tra le fibre e un semplice lavaggio, anche ad alte temperature, può non bastare a eliminare questi fastidiosi residui. Se poi laviamo gli asciugamani con altri capi, allora tutto il bucato può prendere questo fastidioso odore di muffa, costringendoci a ripetere il lavaggio senza che, per altro, sia assicurato un buon risultato.
Esistono dei prodotti appositi, detersivi antimuffa, che però hanno dei prezzi importanti, ma ci sono anche metodi casalinghi altrettanto efficaci. Ecco come fare.

27

Occorrente

  • Lavatrice
  • Bicarbonato di sodio
  • Aceto bianco
  • Bacinella (facoltativa)
37

Prima di tutto verificare che non sia la lavatrice ad avere l'odore di muffa e, nel caso, pulirla in più approfonditamente possibile. Tra le zone più problematiche c'è sicuramente la guarnizione, che può essere pulita con un panno inumidito in acqua e candeggina, magari aiutandosi con uno spazzolino da denti per le zone più difficili da raggiungere.
Un altro punto critico è la vaschetta per i detersivi: estraetela e pulitela con cura sempre con acqua e candeggina; se non è estraibile cercate di raggiungere tutti i punti possibili, aiutandovi anche in questo caso con uno spazzolino.
Infine, avviate il ciclo di lavaggio più lungo e alla più alta temperatura senza biancheria e mettendo al posto del detersivo aceto e bicarbonato (250 gr di aceto e 200 gr di bicarbonato), in modo da pulire anche nei punti di passaggio dell'acqua.

47

Una volta assicurati che la lavatrice è pulita, la cosa più efficace è fare un lavaggio ad alte temperature (almeno a 60°). Come detto, sono generalmente gli asciugamani e altri capi che rimangono bagnati (canovacci e simili) a prendere l'odore di muffa, ma se avete altri capi di cotone che hanno lo stesso problema controllate l'etichetta e guardate se possono essere lavati ad alte temperature.
Per questo primo lavaggio non dovete utilizzare detersivo e ammorbidente, ma aceto bianco e bicarbonato: 250 gr di aceto e 200 gr di bicarbonato dovrebbero andare bene. Se l'odore di muffa è molto accentuato, potrete bloccare la lavatrice durante il lavaggio (attenzione che sia ancora nella fase del lavaggio e non già al risciacquo) e lasciare la biancheria in ammollo per circa un'ora, per poi riprendere il ciclo normale fino al termine.
A questo punto avviate il ciclo che usate solitamente con il vostro abituale detersivo e - se lo utilizzate - ammorbidente.

Continua la lettura
57

Qualora l'odore di muffa fosse così persistente da resistere anche a questo doppio lavaggio, allora occorrerà lasciare la biancheria ammollo per almeno una notte, sempre con il bicarbonato e l'aceto.
Potete quindi lasciarla dentro la lavatrice, a metà del lavaggio, facendo attenzione che non sia già arrivata ai risciaqui ma che sia ancora nella fase di lavaggio.
In alternativa potete riporre la biancheria in una bacinella e versarvi dentro acqua calda - se quella del rubinetto non è abbastanza calda la si può riscaldare in una pentola -, aceto e bicarbonato. Mescolate in modo che tutti i capi siano ugualmente bagnati e che aceto e bicarbonato si siano mischiati e lasciate in ammollo per tutta la notte.

67

Ricorda infine di togliere il bucato dalla lavatrice appena il ciclo è terminato. In questo modo eviterete che rimanga bagnato in un ambiente chiuso e buio, favorendo il formarsi di nuova muffa.
Stendete quindi la biancheria in un ambiente il più possibile ventilato e soleggiato, in modo che impeghi poco tempo ad asciugare, e ritiratelo appena asciutto evitando soprattutto di lasciarlo all'aperto durante la notte.
Se disponete di un'asciugatrice, avviare il ciclo alla massima temperatura e ripetere almeno un'altra volta, così che i capi siano sicuramente asciutti quando andrete a piegarli e conservarli.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se siete particolarmente sensibili all'odore dell'aceto bianco, potete usare anche l'aceto di mele.
  • Se vi piace l'odore che dà alla biancheria, potete usare l'aceto di mele al posto dell'ammorbidente anche nei lavaggi normali, così da prevenire l'odore di muffa.
  • Prima di riporre gli asciugamani e gli altri capi nel cesto della biancheria sporca, è consigliabile lasciare che si asciughino, in modo da non rimanere chiusi in un ambiente umido e buio per molto tempo, favorendo il formarsi della muffa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di umido dalla biancheria

Durante le stagioni più umide, facilmente la biancheria si impregna di quell'odore tipico di muffa, molto fastidioso e pungente. In genere, capita a seguito di una cattiva asciugatura. Altre volte, invece, quando i panni vengono lasciati in lavatrice...
Pulizia della Casa

Come imparare a fare il bucato

Fare il bucato è un'operazione che molte persone non riescono a fare correttamente. Spesso trovandosi in situazioni estreme si rischia di causare dei danni sui vestiti. Quando la biancheria è ingrigita si esagera con le dosi di detersivo e si lava di...
Pulizia della Casa

Come togliere le macchie dai vestiti con metodi naturali

Il lavaggio del bucato dovrebbe essere sempre preceduto da una fase di controllo dei singoli capi, al fine di ricercare eventuali macchie particolari. Ci sono, infatti, alcune macchie davvero tenaci, che ci sembrano impossibili da eliminare come, ad esempio,...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di muffa dalla lavatrice

In ogni casa è presente almeno un'elettrodomestico, un forno elettrico, un'aspirapolvere o quello più usato da quando è stato inventato, cioè la lavatrice. La lavatrice è uno degli elettrodomestici di cui oggi non si può più fare a meno e forse...
Pulizia della Casa

Come pulire i muri dalla muffa

La muffa è un fungo di colore nero, grigio oppure bianco che in apparenza sembra polvere. Essa si crea per la presenza di umidità, che può essere provocata da un'infiltrazione oppure dalla condensazione del vapore acqueo. L'utilizzo di alcuni prodotti...
Pulizia della Casa

Come eliminare la muffa tra le piastrelle

La formazione di muffa nelle fughe delle piastrelle è un inconveniente tipico della stanza da bagno e ancora di più del box doccia, dove il livello di umidità è altissimo. È un problema molto comune e molto fastidioso perché rovina l'estetica di...
Pulizia della Casa

Come rimuovere la muffa

La muffa è ovunque, fuori e dentro le nostre abitazioni. Può crescere e diffondersi in qualsiasi luogo umido. L'esposizione prolungata ai luoghi pieni di muffa può causare sia agli uomini e sia agli animali problemi respiratori, raffreddore, asma e...
Economia Domestica

Come evitare la formazione di muffa in bagno

Se la vostra stanza da bagno presenta periodicamente antiestetiche tracce di muffa, potete intervenire con metodi adeguati per evitare che possa generarsi di nuovo. Nello specifico si tratta di piccoli ma funzionali accorgimenti, atti ad ottimizzare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.