Come eliminare l'odore di muffa dai cassetti

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La muffa è la nemica più comune quando si parla di igiene della casa; si presenta spesso sulle pareti, vicino alle soffitte, oppure negli armadi e nei cassetti. Questo questo parassita dell'igiene si forma nelle nostre case porta spesso un cattivo odore che nonostante si aprono porte e finestre, se non si interviene con metodi efficaci, sarà difficile da mandare via. In questa guida perciò vi suggeriremo come eliminare l'odore di muffa dai cassetti utilizzando metodi naturali e non dannosi per l'ambiente. Sul mercato si possono trovare anche prodotti chimici per contrastare la presenza della muffa, ma i risultati migliori si possono ottenere anche con vecchi rimedi casalinghi usando dei prodotti che facilmente si trovano dentro casa, come l'aceto, il bicarbonato di sodio, o anche l'acqua ossigenata.

26

Occorrente

  • Aceto
  • Perossido di idrogeno
  • Bicarbonato di sodio
36

Qualunque sia il prodotto che avete deciso di utilizzare è bene procedere innanzitutto con l'eliminazione delle macchie di muffa stesse in modo che poi dovrete occuparvi solo dell'odore sgradevole che esse emanano. Vediamo quindi come eliminare l'odore di muffa dai cassetti usando il primo metodo, cioè l'aceto. Come tutti sappiamo l'aceto bianco è spesso usato come deodorante ed igienizzante e risulta essere anche molto efficace. Per eliminare l'odore di muffa dai cassetti si può versare una certa quantità in un bicchiere e lasciarla in un angolo del cassetto stesso finché non ha assorbito completamente il cattivo odore. Potrete poi utilizzarlo anche il un altro modo qualora decidiate di diluirlo con l'acqua. Infatti potrete aggiungere dell'aceto bianco in un flacone spray vuoto e spruzzare direttamente la soluzione così ottenuta nei cassetti e pulire come fosse un normale detergente.

46

Il bicarbonato di sodio è un altro rimedio naturale per eliminare l'odore di muffa dai cassetti e non solo. In questo caso occorre versare una quantità necessaria in una piccola ciotolina o anche in un bicchiere (visto che parliamo di cassetti). Dopo di che dovrete posizionare la ciotola nel cassetto e lasciarla chiusa dentro per un'intera notte. La mattina seguente per liberarvi dal cattivo odore basterà gettare via il bicarbonato che ormai ha assorbito da sè l'odore.

Continua la lettura
56

Vediamo ancora come eliminare l'odore di muffa dai cassetti utilizzando, il perossido di idrogeno o più comunemente chiamato acqua ossigenata. Questo prodotto agisce aggressivamente sulle varie superfici quindi quando lo usate bisogna stare attenti. Inoltre non dovete mai usarlo in assoluto ma diluirlo secondo questa quantità: due parti di acqua e una parte di perossido di idrogeno (ricordiamo che va usata la soluzione al 3%). Una volta creata la soluzione, basta inserirla in un flacone spray e spruzzare sulla zona interessata. Vi accorgerete che oltre ad eliminare il cattivo odore vi aiuterà anche a sbiancare qualche altro residuo di macchia poiché esso è anche un ottimo sbiancante.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come pulire la muffa in un frigorifero

Cibi e bevande lasciati troppo tempo in un frigorifero, possono provocare cattivi odori e fastidiose muffe, soprattutto all'interno dei cassetti o sugli scaffali. Quando la muffa comincerà a diffondersi all'interno del frigorifero, non potrete far altro...
Economia Domestica

Come eliminare l'odore di muffa dai mobili

Eliminare l'odore di muffa dai mobili, è un lavoro che richiede tempo e pazienza. Il legno è un materiale poroso e quindi assorbe molto facilmente l'umidità e gli odori, presenti nelle vicinanze. Nel caso in cui i vostri mobili siano stati depositati...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di chiuso dai cassetti

Quando arriva l'estate è il momento di fare il famoso "cambio di stagione". Bisogna sistemare gli armadi e mettere a posto i cassetti. Può succedere però che alcuni cassetti, rimasti chiusi per molto tempo, hanno un cattivo odore di chiuso per cui...
Pulizia della Casa

Come prevenire la comparsa della muffa in casa

La muffa è un fungo comune e diffuso nelle abitazioni. Nell'ecosistema decompone e ricicla le materie organiche. Nelle mura domestiche, invece, rappresenta un vero problema, potenzialmente pericoloso. La muffa regna in ambienti umidi, come pareti o mobili,...
Pulizia della Casa

Come togliere l’odore dai mobili

Molto spesso, capita che i mobili di casa, soprattutto se si tratta di mobili antichi oppure datati, assumano un odore abbastanza sgradevole, che dipende essenzialmente da alcuni fattori specifici. Generalmente, le principali cause sono la muffa, la vernice...
Pulizia della Casa

Come togliere l'odore di muffa dai vestiti

L'odore di muffa sui vestiti. Una delle cose più fastidiose che possano accadere aprendo l'armadio. Oppure, ancora peggio, sentirlo sui capi appena tirati fuori dalla lavatrice, che invece dovrebbero avere un delicato odore di bucato! E cosa fare se...
Pulizia della Casa

Come evitare l'umidità negli armadi

Rispetto alle camere, gli armadi hanno un alto rapporto tra lo spazio della parete e quello aereo. Dal momento che il calore ha più superficie da coprire, le temperature interne degli armadi saranno minori rispetto al resto della casa. Ciò è particolarmente...
Pulizia della Casa

Come prevenire la muffa nell'armadio

La muffa nell'armadio è uno spiacevole inconveniente che purtroppo accade sovente, soprattutto negli appartamenti particolarmente soggetti all'umidità. Ritrovare i propri indumenti macchiati e maleodoranti dopotutto è davvero un incubo. Prevenire queste...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.