Come eliminare l'odore di cibo nell'aria in modo naturale

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le faccende casalinghe sono parte integrante ed imprescindibile della premura necessaria al mantenimento del nostro focolare casalingo. Tutte queste attività ci costano tanta fatica ma anche tanto tempo e nonostante il livello di attenzione prestato, esse dovranno essere immancabilmente ripetute. Sembra proprio un lavoraccio! Ma il culmine della frustrazione si raggiunge quando, dopo aver dato fondo a tutte le nostre energie per lavare, spolverare, sistemare la biancheria nell'aria permane un odore forte e persistente: l'odore di cibo. Un rimedio è rappresentato dai deodoranti per ambienti ma si tratta sempre di sostanze chimiche che alla lunga possono nuocere alla salute, senza contare che spesso tali prodotti si limitano a coprire l'odore di cibo con il proprio profumo, nascondendo di fatto il problema. Perché non ottenere un risultato analogo ricorrendo a mezzi e metodi naturali allora? In questo articolo vi mostreremo come eliminare l'odore di cibo nell'aria in modo naturale.

24

Per prima cosa spalancate tutte le finestre che si trovano in prossimità della fonte del cattivo odore. Nel frattempo, chiudete le porte che collegano la cucina agli altri ambienti. Così facendo farete arieggiare la stanza senza che l'odore si propaghi altrove. Se avete un ventilatore accendetelo: in modo da velocizzare il ricircolo dell'aria. Create delle correnti d'aria per eliminare più velocemente l'odore.

34

La maggior parte dell'odore di cibo a questo punto dovrebbe essere scomparsa; tuttavia, se non provvedete ad eliminare la fonte di questo odore non risolverete il problema. Pertanto individuate la fonte del cattivo odore: a seconda della sua natura dovrete applicare dei metodi diversi. Ad esempio, se si tratta di odore di bruciato proveniente dal microonde, potrete utilizzare una ciotola di bicarbonato da inserire all'interno dello stesso. Lasciate agire per una notte: essa dovrebbe aver assorbito completamente l'odore di bruciato.

Continua la lettura
44

Dopo aver pulito in modo naturale la fonte del cattivo odore non vi resta che apportare alcuni accorgimenti che vi permetteranno di prevenire situazioni analoghe future. Prendiamo ancora una vola l'esempio del microonde. Dopo aver ripulito le pareti con acqua calda e bicarbonato. Inserite all'interno del forno una fetta di limone o di arancia: l'odore sprigionato dagli agrumi dovrebbe tenere a bada per un po i cattivi odori da bruciato. Lasciateli agire per un giorno al massimo. Dopo questo lasso di tempo essi perderanno la loro efficacia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come rimuovere il cibo bruciato su un piano di cottura in vetroceramica

Bella da vedere, sì quando è lucida, nuova e senza graffi! Ma cosa succede alla vetroceramica del vostro piano cottura se non la pulite con un prodotto specifico? Si riga, si opacizza e vi fa perdere tutta la bellezza tipica di queste superfici di nuova...
Pulizia della Casa

Come rimuovere il riso bruciato dalle pentole

Molto spesso in cucina capita che il cibo si attacca sul fondo delle pentole e si brucia, per cui rimuoverlo risulta piuttosto difficile. In tal caso, bisogna prestare attenzione per evitare di creare graffi alle pentole e quindi fargli perdere la patina...
Pulizia della Casa

Come rimuovere il tessuto bruciato dal ferro da stiro

A volte, anche le persone più attente possono sbagliare ed un attimo di distrazione è quanto basta affinché i tessuti si attacchino alla piastra del ferro da stiro. In questi casi, non resta che armarsi di pazienza e provvedere alla rimozione del tessuto...
Pulizia della Casa

Come rimuovere il cibo bruciato dalle pentole in ghisa

Le pentole in ghisa riscaldano gli alimenti in modo rapido e consentono una cottura uniforme. La ghisa, infatti, trattiene bene il calore e si conserva per molte generazioni, se si cura in modo adeguato. Quando il grasso bruciato si accumula sulla pentola,...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di bruciato da casa

Quando si lavora in cucina e si è indaffarati in più preparazioni, può capitare di cuocere le pietanze eccessivamente per dimenticanza, per errore di tempi o per un sovraccarico di faccende. Ciò comporta lo sprigionarsi di un odore forte, acre e persistente...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di cibo dal microonde

Negli ultimi 20 anni i forni a microonde sono diventati di uso comune nelle nostre cucine; possono sostituire i normali forni elettrici per cucinare, con un notevole rispamio di tempo e di energia elettrica. Sono indispensabili per scongelare i cibi mantenendo...
Pulizia della Casa

Come pulire una padella bruciata

A volte per distrazione si dimentica il cibo sul fuoco; esso comincia a bruciare e si attacca sul fondo della padella. Il risultato è un pasticcio nero e carbonizzato difficile da rimuovere se non si raschia la padella. È possibile ripristinare il fondo...
Economia Domestica

Come pulire una pentola bruciata

La pentola, che sia essa in acciaio inox o realizzata in materiale antiaderente, è soggetta, durante la cottura dei cibi, a bruciature e adesioni del cibo stesso sul fondo. Talvolta potrebbe capitare di dimenticare la pentola sul fuoco, causando la bruciatura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.