Come eliminare l'aria in un impianto di riscaldamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per avere una maggiore efficienza energetica, le nostre abitazioni necessitano di costante manutenzione. L'impianto di riscaldamento viene utilizzato per lunghi periodi, ogni anno. L'utilizzo comporta l'accumulo di aria nelle condotte. Essa, espandendosi nei radiatori della casa, limita il regolare flusso di acqua. A ciò, consegue una riduzione di calore, con la stessa quantità di combustibile. Per risparmiare e per rendere più efficiente l'impianto di riscaldamento, questa facilissima guida illustra come eliminare l'aria in eccesso.

26

Occorrente

  • Chiave inglese
36

Fasi preliminari

Per prima cosa, controlliamo l’impianto centralizzato del riscaldamento della nostra casa. Per lavorare sui radiatori dobbiamo avere l'impianto spento. Dopo questo, se avvertiamo dei rumori striscianti provenienti delle condotte vuol dire che c'è un’eccessiva presenza di aria e che dobbiamo eliminarla. Successivamente controlliamo la pressione. Se c’è aria essa ha valori superiori alla norma. Normalmente l'indice deve indicare lo zero.

46

Eliminazione dell'aria

A questo punto dopo un attento controllo si può cominciare l’intervento per eliminare l’aria. Prendiamo una chiave per allentare la valvola di sfiato dei radiatori della casa. È utile anche un panno per asciugare l’acqua che esce. La valvola si trova generalmente ad una delle estremità oppure sulla parte superiore del radiatore. Per eseguire questa manovra è opportuno avvolgere il panno intorno alla valvola ed alla chiave. Adesso giriamo la chiave in senso antiorario per poter aprire la valvola. Sentiremo un sibilo: significa che l’aria sta uscendo. Appena l'acqua bagna il panno è consigliabile chiudere la valvola ruotando la chiave in senso orario. Dopo aver espulso l’aria è fondamentale controllare nuovamente la pressione.

Continua la lettura
56

Controllo finale

La valvola si trova a monte dell'impianto centralizzato del riscaldamento e deve indicare lo zero. Se esiste questa situazione possiamo riaprire il circuito e controllare il funzionamento dell’impianto di riscaldamento.. Moltissimi radiatori moderni hanno una valvola con una manopola già installata. È sufficiente ruotarla per espellere tutta l’aria presente nelle condotte dell’impianto di riscaldamento. In questo caso occorre un piccolo recipiente per raccogliere l’acqua spruzzata dall'aria in eccesso presente nei radiatori. Se non siamo molto esperti, controlliamo il livello dell'idrometro, prima di eliminare l'acqua dai radiatori. Infatti se scende il livello, l'impianto non riparte. Portiamo al livello iniziale l'indicatore dell'idrometro. Basta ruotare la levetta dell'acqua del nostro impianto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Controllare il livello dell'idrometro

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come calcolare la potenza termica dei radiatori

Prima o poi ci si imbatte, per la sistemazione di una casa o per la sua ristrutturazione, nel dover predisporre un impianto di riscaldamento che sia sufficiente a riscaldare in maniera ottimale tutta la superficie, senza sprechi ed eccessivi consumi....
Ristrutturazione

Guida alle tipologie di riscaldamento

Se nella nostra casa dobbiamo installare un nuovo impianto di riscaldamento, abbiamo l'opportunità di scegliere tra diverse tipologie. In commercio esistono infatti molte soluzioni, dalla tradizionale elettrica o a combustibile liquido, fino a quelle...
Economia Domestica

Come regolare il riscaldamento a pavimento

Se nella nostra casa abbiamo intenzione di installare un sistema di riscaldamento a pavimento, detto comunemente "radiante", dobbiamo sapere che ci sono delle periodiche regolazioni da fare, e che servono ad ottimizzare la temperatura, rendendola calda,...
Economia Domestica

Come proteggere le tubature dal gelo

Il problema della rigidità del clima invernale spesso si ripercuote anche sulle tubazioni. Queste, infatti, possono gelare, con grave danno per l'intero impianto idrico della propria abitazione. Soprattutto dunque se si vive in luoghi particolarmente...
Economia Domestica

Consigli per l'accensione dei termosifoni prima dell'inverno

Quando si avvicina l'autunno il che significa a metà settembre, è opportuno verificare se l'impianto di riscaldamento funziona correttamente, per non farsi trovare impreparati ai primi freddi. Il lavoro preliminare di rilevante importanza, si basa principalmente...
Pulizia della Casa

Come asciugare il bucato nel periodo invernale

Chi non ha mai avuto il problema di dover asciugare il bucato nel periodo invernale a causa delle incessanti piogge e nevicate, che rendono impossibile stendere i capi all'esterno? Se anche tu vivi in appartamento ed hai la necessità di trovare una soluzione,...
Ristrutturazione

Riscaldamento a pavimento, pro e contro

Ecco una bella ed anche interessante guida, mediante il cui aiuto poter essere in grado d'imparare qualcosa di più sul riscaldamento a pavimento, ed in particolar modo potremo capire in profondità quali possono essere i pro ed anche i contro dell'utilizzo...
Pulizia della Casa

Come eliminare una bolla d'aria da un termosifone

Quando arriva l'inverno, il primo pensiero va subito alle temperature rigide che si devono affrontare. Perciò è indispensabile controllare che i termosifoni funzionino al meglio e che scaldino a dovere. Gran parte delle volte, alla prima accensione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.