Come cuocere i semi di zucca

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Forse non tutti sanno che i semi di zucca sono ricchi di ferro, zinco, omega-3 e omega-6, acidi grassi essenziali, vitamine B ed E e sali minerali. Un alimento dunque davvero molto completo che si può acquistare già pronto e cotto presso un qualsiasi negozio o supermercato. Ma in taluni casi può davvero essere salutare cuocere i semi di zucca in casa, seguendo procedimenti specifici. In questa guida vogliamo appunto illustrarvi come cuocere i semi di zucca.

25

Occorrente

  • Semi di Zucca
  • Sale
  • Olio extravergine di Oliva o di semi
35

Disponete i semi

Innanzitutto aprite la zucca con un coltello a lama larga. Prestate attenzione perché la buccia è particolarmente dura. Svuotatela del suo interno, togliete i filamenti e sciacquate sotto l'acqua i semi raccolti, avendo cura di eliminare i residui di polpa rimasti attaccati. A questo punto disponete i semi su una teglia ricoperta di tovaglioli o carta assorbente e lasciateli asciugare per circa 10 ore. Se volete rendere i semi più salati, immergeteli per una notte in una soluzione composta da 2 tazze d'acqua e mezza tazza di sale e lasciateli asciugare per un giorno intero. Quando i semi saranno asciutti e saranno dunque pronti per essere cotti, dovrete scegliere se tostarli in forno o in padella. Ecco per entrambi i tipi di cottura, quale procedimento occorre seguire per un'ottima cottura.

45

Tostate al forno o in padella

Per la tostatura al forno, preriscaldate il forno a 150° e ricoprite una teglia con della carta forno. Disponete i semi su di questa e conditeli con un pizzico di sale e un filo d'olio o, se preferite, con una noce di burro. Fateli cuocere per circa 45-50 minuti, ricordandovi di girare di tanto in tanto i semi, in modo da farli tostare da entrambi i lati. Per la tostatura in padella, spargete i semi in una padella e fateli cuocere a fuoco lento per circa un'ora. Mescolateli spesso per evitare che si brucino. Quando diventeranno dorati o inizieranno a spaccarsi, potrete toglierli dal fuoco e condirli con il sale.

Continua la lettura
55

Cuocete in acqua

Ma esistono anche altri metodi di cottura davvero molto particolari ed originali. Facendo ad esempio cuocere i semi di zucca in acqua o nel latte, si ottiene un decotto dal sapore simile all'orzata, davvero prezioso per combattere l'insonnia e lenire le irritazioni alla vescica. Infatti la zucca è raccomandata anche per combattere alcuni disturbi della nostra salute come l’ansia, il nervosismo e l’insonnia. I semi della zucca hanno, inoltre, delle proprietà in grado di combattere i disturbi dell’intestino, ristabilendo la corretta funzionalità della flora intestinale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare al meglio la zucca

La guida che andremo a sviluppare nei tre passi che seguiranno l'introduzione che state leggendo in questo momento, si occuperà di alimentazione e, per essere più specifici, di conservazione degli alimenti. Il titolo è molto preciso, in quanto vi spiegheremo...
Economia Domestica

Come conservare la zucca

La zucca è un ortaggio che viene consumato soprattutto durante la stagione autunnale, quando le zucche vengono raccolte e possono essere gustate attraverso la preparazione di numerose e saporite ricette. Cotta al forno, fritta, preparata con una salsina...
Economia Domestica

Come riciclare la zucca di Halloween

Anche quest'anno la festa di Halloween è ormai passata, e come ogni anno, avrete sicuramente riposto nell'armadio maschere, costumi e festoni che potrete riutilizzare l'anno prossimo, anche se i dolcetti e le caramelle raccolti dai bambini allieteranno...
Esterni

Come fare una fioriera per Halloween

In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire come poter fare una fioriera per la notte di Halloween. Cercheremo di realizzare il tutto mediante il classico metodo del fai da te e del bricolage, mettendo in pratica la nostra manualità e voglia di fare....
Economia Domestica

Come seccare le zucche

Le zucche secche sono divertenti da creare, grazie ai molteplici usi decorativi. Si possono fare tante cose come ad esempio verniciarle, rivestirle con la gommalacca o lasciarle grezze. Le zucche una volta essiccate diventano leggere e fragili. Se lasciamo...
Economia Domestica

Cosa fare a casa la notte di Halloween

Halloween è una ricorrenza che ha riscontrato notevole successo in Italia negli ultimi anni. Negozi, locali e supermercati propongono gadget e feste per ogni gusto. Non c'è comune o discoteca che non organizzi eventi alla portata di tutti, che si tratti...
Economia Domestica

Frutta e verdura di stagione: la spesa di Febbraio

Il rigido mese di Febbraio, dal Latino"februare", nel lontano calendario romano rappresentava il periodo dedicato ai riti di purificazione. Oggi queste antiche usanze sono ormai andate perdute e quasi dimenticata, eppure Febbraio potrebbe essere il mese...
Arredamento

10 consigli per arredare la zona living per Halloween

Halloween è una festa di origine celtica che ha avuto la sua espressione massima negli Stati Uniti. Essa ricade il 31 ottobre. In questa data si narra che streghe, demoni e anime di defunti ritornassero tutti insieme sulla terra. Nel corso degli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.