Come creare l'essenza di lavanda

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La lavanda è una pianta dal colore viola e dal profumo intenso abbastanza diffusa in Italia. In genere è usata per decorare e per creare oli essenziali rilassanti. L'essenza di lavanda, infatti, si trova in quasi tutti gli oli per massaggio perché è in grado di decontrarre i muscoli ed eliminare il senso di stanchezza e pesantezza dalle gambe. È molto utile anche per il mal di testa da stress, in quanto calma la mente dopo pochi minuti. Se volete creare questa portentosa essenza, ecco come dovete procedere.

25

Occorrente

  • Rametti di lavanda fresca
  • Alcol a 90°
  • Olio di oliva
  • Scolapasta
  • Un panno di cotone
  • Un vaso di vetro con tappo ermetico
  • Bottigliette per conservare l'olio
35

Per realizzare l'olio essenziale mettete i rametti di lavanda nel barattolo di vetro. Versatevi l'olio e l'alcol in quantità uguali e chiudete il barattolo con il tappo ermetico. A seconda della quantità dei rami, ricordatevi di aggiungere sempre più olio e alcol. Ovviamente a quantità più piccole corrisponderanno dosi minori. Mettete il vaso al sole e lasciatelo fuori per almeno 20 giorni. Una volta trascorso questo tempo, separate l'olio essenziale ottenuto dai rametti. Per farlo, foderate lo scolapasta con il panno in cotone e versatevi sopra tutto il contenuto. Se non avete il panno potete usare dei veli o il tulle che si trova spesso nelle bomboniere. L'importante è che queste stoffe siano a maglie strettissime.

45

Prendete la miscela ottenuta e mettetela a bagnomaria per alcuni minuti. A questo punto non dovrete fare altro che versare l'olio ancora caldo nei barattoli da utilizzare. Coprite i barattoli con un altro panno, anche questo a maglie strette, e lasciate che il liquido cada lentamente. Aspettate che la distillazione sia terminata e richiudete la boccetta. La vostra essenza è pronta. Ricordatevi di conservarla in un luogo asciutto e al riparo dal sole.

Continua la lettura
55

Un altro metodo per creare l'olio essenziale di lavanda è quello di mettere a seccare i rametti freschi per circa due settimane. La lavanda va esposta fuori in un luogo caldo, ma non deve essere rivolta al sole. Una volta essiccata, sbriciolate i rami e macinateli con un oggetto pesante. Mettete tutto in un vasetto e ricopritelo con l'olio di oliva o di mandorle. Non riempite tutto il barattolo, ma lasciate un po' di spazio per consentire l'espansione al composto. Chiudete il vasetto e mettetelo al sole per almeno tre settimane. Dopo circa un mese filtrate la miscela come indicato nel primo metodo e unitevi alcune gocce di vitamina E per farlo conservare più a lungo. Questo passaggio è opzionale ed è consigliato per lo più a chi non può conservare l'olio in luogo fresco e buio. In tutti gli altri casi, un barattolo di vetro o un contenitore scuro saranno sufficienti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come profumare i panni stirando

Che soddisfazione aprire un cassetto o l'armadio con gli indumenti e sentire una dolce fragranza, magari di lavanda o di rose, che ci fa venire voglia di indossarli e inebriarsi tutto il giorno! Affinché l'odore persista per parecchio tempo, è necessario...
Pulizia della Casa

Come ottenere l'essenza di menta

La menta è una pianta dalle innumerevoli proprietà benefiche: ha effetto anestetico sulla mucosa gastrica, stimola la produzione di bile da parte del fegato e facilita il suo deflusso nelle vie biliari. Inoltre è in grado di disinfettare il tubo digerente...
Pulizia della Casa

5 soluzioni per profumare la casa in maniera naturale

Finestre chiuse, aria pesante, fumo di sigaretta, cattivi odori o magari una frittura di troppo in cucina: ci vuole poco per rendere sgradevoli gli ambienti domestici. Ma è anche facile risolvere questo genere di problemi: ecco cinque semplici soluzioni...
Economia Domestica

Profumi per l'ambiente: le migliori soluzioni naturali

I profumi per l'ambiente possono essere realizzati sfruttando tante soluzioni naturali capaci di inondare le stanze di fragranze piacevoli ed evitando, al contempo, l'utilizzo di sostanze artificiali che possono rivelarsi fastidiose per la salute. Economici,...
Pulizia della Casa

Come Eliminare Odori E Tarme Dall'Armadio

Le nostre nonne usavano dei prodotti come la naftalina per poter eliminare le tarme e i cattivi odori dall'armadio. Oggi in commercio esistono numerosi prodotti molto meno aggressivi e sicuramente più gradevoli in grado di risolvere questo problema....
Arredamento

10 decorazioni Shabby Chic

La mania dello stile Shabby Chic ha invaso davvero tutte le nostre abitazioni. In tutti i negozi dove ci rechiamo siamo circondati da mobili in stile provenzale, dai colori bianco anticato, rosa antico, celeste e lilla. Decorazioni stile lavanda si ritrovano...
Pulizia della Casa

Come realizzare in casa un deodorante per ambienti

La prima cosa che ci colpisce quando entriamo in una casa è l’odore dell’ambiente. Questo è un dettaglio che bisogna curare attentamente per poter avere un’abitazione accogliente e confortevole, sia per noi stessi che per gli ospiti. In commercio...
Pulizia della Casa

Come evitare gli odori sgradevoli in casa

Ogni giorno l'interno della nostra casa è soggetto ad un continuo ricambio di odori e profumi diversi. Davvero un cattivo biglietto da visita della nostra abitazione, infatti la prima cosa che facciamo entrando in casa è respirare, e un buon odore è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.