Come conservare le radici di liquirizia

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Intenso e dolciastro, il sapore della liquirizia è inconfondibile e viene utilizzato molto nella cucina locale e non.
La liquirizia è una pianta dal gusto amato da molti, grandi e piccini; l'aroma viene ricavato dall'olio essenziale della radice della pianta. I petali del fiore non sono aromatici ma sviluppano dei baccelli dal colore marrone misto al rosso in cui matureranno i semi.
È ottima come lenitivo sintomatico della tosse, decongestionante, lassativo.
L'estrazione dell'aroma è possibile quando la pianta ha ormai 3 anni o più di vita; in questi primi anni, la pianta dev'essere solamente irrigata regolarmente e potata, in base alle stagioni.
È in primavera che avviene la ''rinascita'' del colore e tuttavia, in autunno è possibile raccogliere le radici per conservale per ogni evenienza.
In questa guida vedremo come conservale le radici di liquirizia.

24

Individuare ed estrarre la radice in autunno

In autunno, la pianta della liquirizia muore, la radice no ed è proprio lì che l'aroma si intensifica.
Quando l'aroma è intenso, è il momento giusto per raccoglierla.
È consigliabile, per poter usufruire delle radici più di una volta, estrarre tutta la pianta dal vaso con delicatezza o, in caso di coltivazione nel terreno, scavare intorno creando un cerchio, fino a toccare la radice.
Bisogna individuare le radici che si sono sviluppate in orizzontale di circa 1 cm, tagliarle, raschiarle e sciacquarle senza impregnarle.

34

Conservare sottovuoto

Se coltivata per uso culinario, la liquirizia è conservabile per breve tempo.
Tende a diventare più dura di quel che è, diventando così immangiabile.
Tuttavia è possibile tenerla al riparo dall'aria, dall'acqua, dal vento e dall'umidità mettendola sottovuoto. (Magari con l'aiuto di attrezzi mirati al risucchio dell'aria dalle buste è più semplice l'operazione e più sicura).

Continua la lettura
44

Essiccare al sole

C'è la possibilità di essiccare la radice al sole prima di conservarla.
L'alternativa sarebbe un essiccatore, ma i rimedi naturali sono sempre i migliori ed i più salutari perciò optiamo per la prima.
Questa opzione è valida per la preparazione di dolci, tisane e tutto ciò che non richiede necessariamente che la liquirizia sia fresca.
L'aroma intenso è duraturo, pertanto non c'è rischio che bevande, confetture o dolci non attingano il sapore.
Come ulteriore suggerimento dopo aver essiccato la radice, si può tritarla finemente per creare una sorta di zucchero a velo da spargere su risotti, tartine, dolci e altri piatti che richiedono il tocco in più che solo la liquirizia è in grado di donare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.