Come conservare le foglie di dragoncello

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

In cucina spesso è necessario utilizzare parecchie spezie per dare molto più sapore ai piatti. Le spezie sono fondamentali per insaporire ogni pietanza e per dare la giusta piccantezza e la giusta particolarità sia a un ottimo primo piatto, che a un secondo. Tra le varie spezie da poter utilizzare in cucina, oltre al classico basilico, al prezzemolo, al timo e al rosmarino molti utilizzano anche il dragoncello. Il dragoncello è una spezia ricavata dalla pianta artemisia dracunculus ed è caratterizzata da foglie molto sottili e lunghe dal colore verde intenso. Si tratta di una pianta molto utilizzata grazie alla quantità di proteine e di carboidrati contenuti al suo interno e grazie alla capacità di depurare l'organismo. In questa guida vi mostreremo come conservare le foglie di dragoncello alla perfezione per non farle seccare.

27

Occorrente

  • Contenitori per il ghiaccio
  • Freezer
  • Strofinaccio
  • Colino
  • Barattoli di vetro
37

Lavare bene le foglie

Per una perfetta conservazione del dragoncello, è essenziale innanzitutto acquistare un dragoncello freschissimo con le foglie sempre molto verdi. Una volta che avrete scelto il dragoncello, dovrete necessariamente lavarlo sotto l'acqua corrente utilizzando uno scolapasta o un colino, per eliminare l'acqua in eccesso. Non appena avrete lavato le foglie una per volta, dovrete asciugare il dragoncello utilizzando un panno da cucina pulito o della carta assorbente.

47

Utilizzare dei barattoli di vetro

Per una conservazione non eccessivamente lunga, potete semplicemente utilizzare dei barattoli di vetro per riporre il dragoncello lavato e asciugato. Potete scegliere di tritare il dragoncello in piccolissimi pezzi che dovrete riporre all'interno di un barattolo necessariamente di vetro e dotato di un tappo ermetico. Una volta che avrete chiuso il barattolo pieno di dragoncello, potete riporlo all'interno del frigorifero e conservarlo per almeno una settimana o al massimo per 10 giorni. È sempre indicato scuotere di tanto in tanto il dragoncello, per evitare un'ossidazione più rapida.

Continua la lettura
57

Utilizzare dei contenitori per il ghiaccio

Un'altra idea veramente interessante per poter conservare alla perfezione le foglie di dragoncello e mantenerle sempre saporite e fresche, è sicuramente l'opzione di congelamento. Dovrete lavare le foglie di dragoncello, asciugarle e tagliarle in minuscoli pezzettini. Posizionate una manciata di foglie tritate all'interno di un contenitore per formare i cubetti di ghiaccio, riempendo ogni singolo quadratino con un pizzico di dragoncello tritato. Aggiungete l'acqua all'interno del contenitore e conservate il tutto all'interno del freezer. Non appena vi servirà del dragoncello fresco, vi basterà scongelare i cubetti di ghiaccio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potete utilizzare le stesse procedure di conservazione di altre spezie come il prezzemolo o il timo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.