Come conservare la pastiera cotta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molti sono i dolci della tradizione italiana che possono essere gustati in ogni occasione e possono essere consumati per le varie festività. Tra i vari dolci della tradizione napoletana ad esempio, non può non essere nominata la classica pastiera. Si tratta di un dolce a base di ingredienti molto delicati come ad esempio la ricotta, il latte, le uova e la frutta candita. Questi ingredienti possono sicuramente rendere un dolce delizioso e delicato, ma non possono restare freschi per parecchi giorni. In questa breve guida, a tal proposito vi spiegheremo come poter conservare la pastiera napoletana cotta per mantenerla fresca qualche giorno in più.

26

Tagliare e coprire la pastiera

Per conservare in maniera ermetica la pastiera napoletana, è consigliato sempre tagliarla prima a fette o a pezzi più o meno grandi, per facilitarvi la successiva copertura e conservazione dei pezzi di pastiera. È importante tagliare in maniera precisa la pastiera, senza sbriciolarla, per conservarla in maniera precisa e mantenerla sempre integra e compatta. Una volta che avrete tagliato la pastiera in pezzi più o meno uguali, dovrete ricoprirla con dei fogli di carta d'alluminio. Ogni foglio dovrà ricoprire un pezzo di pastiera, in modo tale da poterla conservare senza problemi. Potete anche utilizzare della carta da forno o della pellicola trasparente, per ricoprire ogni pezzo di pastiera perfettamente.

36

Utilizzare il frigo

La pastiera è un dolce formato da ingredienti molto morbidi. Si tratta di una soffice pasta frolla farcita con una crema a base di ricotta e uova. Questi ingredienti per mantenersi sempre più o meno freschi e durare più a lungo, possono tranquillamente essere conservati in frigorifero per massimo tre giorni. Ovviamente la pastiera conservata in frigorifero, avrà una consistenza leggermente più dura perché tutti gli ingredienti morbidi diventeranno più sodi grazie alla freschezza e alle temperature basse del frigorifero. Dopo tre giorni in frigorifero, la pastiera comincerà a diventare immangiabile quindi cercate di consumarla nel più breve tempo possibile.

Continua la lettura
46

Utilizzare il congelatore

Un ulteriore modo per poter conservare la pastiera napoletana cotta e mantenerla per qualche giorno in più sempre fresca e mangiabile, è quello di riporla all'interno del congelatore. Dopo aver tagliato a pezzi la pastiera cotta e dopo averla ricoperta con della carta d'alluminio, potrete disporla all'interno del congelatore e conservarla anche per una ventina di giorni.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Coprite sempre bene la pastiera prima di riporla in freezer o in frigorifero.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come riordinare la camera e mantenerla in ordine

I principi per essere ordinati sono davvero pochi, basta soltanto essere molto determinati e costanti nel seguirli, poiché basta solo qualche giorno di trascuratezza per ritrovarsi tutto intorno una specie di bazar. Se non sono bastati i consigli e le...
Esterni

Come ritirare la piscina gonfiabile

Godersi l'acqua fresca di una piscina durante una giornata particolarmente calda è sempre piacevole. Ma una volta che la stagione estiva è finita, e l'autunno e l'inverno si avvicinano, una delle preoccupazioni principali dei proprietari delle piscine...
Pulizia della Casa

Come smaltire le suppellettili a Napoli

L'azienda napoletana ASIA si occupa dei servizi di igiene ambientale su tutto il territorio campano che include anche la raccolta differenziata, lo spazzamento delle strade, la raccolta dell’indifferenziato ed il trasporto dei rifiuti.Risapute le difficoltà...
Economia Domestica

Come fare lo strutto in casa

Lo strutto è un prodotto ottenuto dal grasso del maiale ed è un valido ingrediente usato per la panificazione, la frittura e per arricchire molte ricette sia dolci che salate. È di colore bianco e non emana nessun odore in particolare. È possibile...
Pulizia della Casa

Macchinetta del caffè: guida alla manutenzione

Se esiste una tradizione italiana inamovibile e incrollabile, è indubbiamente quella del caffè. Che sia a colazione o dopo i pasti, il caffè non può mancare nella nostra quotidianità. Da sempre siamo soliti prepararlo in molti modi: c'è chi considera...
Economia Domestica

Come preparare l'espresso con la macchina del caffè

Profumato, irresistibile e irrinunciabile, il caffè espresso rimane sicuramente uno dei vizi e dei piaceri di ognuno di voi, soprattutto degli italiani. Il caffè espresso, è da sempre un simbolo dell'Italia, e grazie al suo aroma inconfondibile resta...
Economia Domestica

Come utilizzare il forno a legna

Chi ha un forno a legna in casa, ha una miniera. Prepararvi pane, pizze o dolci, assicura una qualità superiore ai cibi, conferendo aromi e profumi del tutto particolari. Avere delle buone ricette però, non è sufficiente per ottenere dei risultati...
Ristrutturazione

Come ricavare un ripostiglio

Avete acquistato una casa di medie dimensioni, ma gli spazi sono mal suddivisi? Avete l'esigenza di mettere tutto ciò che non vi serve in un ripostiglio e non sapete come ricavarlo? Ecco la guida adatta a voi. In questi sintetici passi, vi daremo alcuni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.