Come conservare la crema pasticcera

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La crema pasticcera è un ingrediente che rende i vostri dolci irresistibili, soprattutto per i più golosi. Spesso vi sarà capitato di preparare della crema pasticcera per decorare i vostri dolci e di prepararne magari un po' in abbondanza. Ma qual è la maniera migliore per conservarla e mantenerla sempre gustosa e morbida? Nel seguente tutorial vi daremo alcuni consigli per conservare la crema pasticcera. Questi piccoli consigli, potrebbero realmente esservi d'aiuto evitando così di buttarla via e di farle perdere il suo sapore unico.
Vediamo dunque, con questa guida, come conservare la crema pasticcera.

26

Occorrente

  • Pellicola
  • Contenitore di vetro o acciaio
  • Carta forno
  • Elastico
36

Per conservare la crema pasticcera, la prima cosa da fare è quella di travasare la crema in un altro recipiente, non appena sarà pronta. Così facendo potrete farla raffreddare più velocemente togliendola dalla pentola calda in cui l'avrete preparata. Tuttavia l'impatto con il recipiente freddo potrebbe far formare sulla superficie della crema una sorta di pellicola leggermente più secca del resto della crema. Per evitare questo inconveniente potete mescolare delicatamente la crema ogni 5 minuti a seconda della situazione, fino a quando non sarà completamente fredda. Il raffreddamento della crema è importante per poterla utilizzare e soprattutto per poterla riporre al più presto al fresco.

46

Guarnito il vostro dolce con la crema, dovrete cercare di conservare la crema rimasta in eccesso in modo da non doverla buttar via. Ricopritela in superficie con uno strato di pellicola solo quando sarà completamente fredda. Una volta fredda, potrete riporla tranquillamente in frigo.
Un'altra possibilità per conservare la crema pasticcera, è quella optare per la scelta di un contenitore ermetico, e conservarla in frigo senza l'uso di alcuna pellicola. Ciò che è davvero essenziale è conservarla nel frigorifero, al fresco, per cercare di rallentare il processo di deterioramento degli ingredienti e di conseguenza che vada a male.

Continua la lettura
56

Prima di utilizzare nuovamente la crema accertatevi delle sue condizioni. Nel caso in cui prenda un colore diverso, oppure se risulterà esageratamente liquida e bagnata, potrebbe essere andata a male, soprattutto se sono passati più di 3-4 giorni. Per capire le condizioni della crema avanzata innanzitutto annusatela: le uova avariate emanano un odore inconfondibile. Cercate sempre di preparare dosi equilibrate, senza esagerare nelle quantità per evirare inutili sprechi. Minore sarà la quantità di crema che dovete riporre nel frigorifero, maggiore sarà la probabilità di riuscire a conservarla tutta per qualche giorno.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La guida è solo a scopo informativo.
  • Cerca di fare le cose con calma e segui attentamente ogni passo della guida.
  • Prima di utilizzare la crema assicurati sempre che risulti commestibile.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare i biscotti fatti in casa

Gli amanti della cucina, che adorano preparare ricette sempre nuove e fantasiose dal salato al dolce, sono soliti dedicarsi anche alla preparazione di dolci fatti in casa, molto più buoni e genuini di quelli acquistati. Tra le ricette di dolci più semplice...
Pulizia della Casa

Come fare il sapone dall'olio usato

L'olio della frittura potrebbe essere particolarmente dannoso per l'ambiente se questo viene buttato via, dopo essere stato usato, in modo scorretto. Esistono degli appositi punti di raccolta per gettare via l'olio usato ma perché non trarne vantaggio...
Economia Domestica

Come conservare la mozzarella di bufala

La mozzarella di bufala, tipicamente preparata nei caseifici campani, è conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo. Il termine mozzarella deriva dal metodo di lavorazione denominato "mozzatura" che viene eseguito per dividerla, e creare la tipica forma...
Economia Domestica

Come conservare il guacamole in frigo

Il guacamole è una salsa di origine messicana a base di avocado e altri ingredienti come succo di limetta e sale, con aggiunta di peperoncino. Per chi vuole variare in base ai propri gusti ed esigenze, esistono anche delle varianti con l'uso di altri...
Economia Domestica

Come stirare le tende di lino

Le tende sono l'ossessione di tutte le donne che amano avere una casa perfettamente pulita e in ordine. Infatti questo elemento spesso sottovalutato, è molto soggetto ad accumulare lo sporco, sopratutto se in casa ci sono dei fumatori. Non parliamo poi...
Economia Domestica

Come conservare frutta e verdura fresca in frigo

Se diamo una rapida occhiata ai tempi trascorsi, considerando quanto fosse complicato conservare gli alimenti in mancanza della moderna tecnologia, ci rendiamo conto di vivere attualmente in un periodo sicuramente vantaggioso per l'uomo, scevro da molte...
Economia Domestica

Come conservare la pasta fresca fatta in casa

La pasta fresca è sempre presente sulle tavole italiane e anche all'estero. L'ingrediente base per la pasta fresca è l'uovo, insieme alla farina e al sale. Preparare l'impasto è davvero facile: basta formare una fontana fatta di farina, aggiungere...
Economia Domestica

Come conservare la pastiera cotta

Molti sono i dolci della tradizione italiana che possono essere gustati in ogni occasione e possono essere consumati per le varie festività. Tra i vari dolci della tradizione napoletana ad esempio, non può non essere nominata la classica pastiera. Si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.