Come conservare i legumi per l'inverno

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Come potete leggere in questa guida, la coltivazione estiva favorisce la produzione di ottimi prodotti, che possono essere conservati fino in inverno, questi sono più che altro legumi che sono utilizzati molto nelle ricette di cucina per la preparazione di squisite zuppe. Di seguito vedremo come conservarli.

26

Conservando i legumi siamo avvantaggiati sia nel risparmio economico e sia nel rispetto dell'ambiente. Non bisogna acquistare prodotti già confezionati, infatti questo metodo è sempre scartato, in più sapremo sempre la provenienza dei nostri legumi sapendo che sono cresciuti nel nostro orto. Oppure comprarli in negozi fidati. Comprare legumi è più economico che comprare prodotti lavorati o semi lavorati.

36

Per conservare i legumi prima di tutto si deve acquistare o estrarre dalla pianta i fagioli e i piselli, poi aprirli e trasportare fuori i legumi, immergerli in acqua e velocemente lavarli senza lasciali immersi per molto tempo, dopo tutto questo sono frequenti due modi principali di conservazione di legumi, secchi oppure già cotti cosicché siano pronti all'uso come quelli venduti al supermarket.

Continua la lettura
46

Per la conservazione dei legumi già cotti si deve lasciare bollire in acqua con una quantità minima di sale, questo dovrà risultare di sapore insipido, poi in seguito si deve usare il metodo di sottovuoto che si ottiene con i barattoli appositi che possiedono il tappo che non può essere riutilizzato in seguito.

56

Per la conservazione dei legumi secchi possiamo vedere un procedimento molto diverso, infatti dobbiamo farli asciugare con il calore del sole, dentro un tessuto leggero e pulito, come ad esempio uno strofinaccio. Questo dovrà susseguirsi per tre giorni, l'importante è portare in un posto al chiuso ad esempio in casa i legumi durante la notte, per la presenza della molta umidità presente nell'aria. Prima di rimetterli al sole frequentemente nei giorni bisogna mescolarli.

66

Dopo l'essiccazione dei legumi possiamo conservarli in dei barattoli ermetici, cosicché possano essere usati per tutto l'inverno, essendo posizionati nell'acqua per poche ore potremmo notare che avranno un sapore diverso molto più realistico di quelli in commercio al supermercato infatti questo ci farà risparmiare moltissimo durante l'inverno. Per questa pratica è sconsigliata la conservazione sottovuoto. I legumi già cotti o freschi possono essere conservati in frigorifero ed essere consumati entro tre mesi dal giorno della raccolta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come congelare i piselli cotti

I piselli sono dei legumi, la cui semina avviene nel periodo primaverile per poi fare il raccolto circa un paio di mesi dopo. Chi possiede un orto può così decidere di piantarne una grossa quantità in modo da coltivarli in maniera biologica e conservarli...
Economia Domestica

Come riutilizzare l’acqua usata per cuocere la pasta

La pastasciutta è il piatto tipico delle tavole degli italiani: molto difficilmente in casa di un italiano può mancare come primo piatto una porzione di maccheroni o spaghetti. Questo significa che si ha a disposizione molto spesso, spesso quotidianamente,...
Economia Domestica

Come impiattare un risotto

In cucina, il connubio tra gusto ed estetica è un fattore determinante per la presentazione di un piatto di portata: presentare in maniera raffinata ed elegante una pietanza, infatti, stimola desiderio ed appetito, oltre a scatenare il piacevole stupore...
Economia Domestica

Come utilizzare i barattoli di latta per la cottura dei cibi

In cucina spesso si produce molta spazzatura, derivante per lo più dai contenitori in cui sono conservati i cibi che acquistiamo al supermercato. Al giorno d'oggi si è molto più attenti al riciclo, ma può anche accadere che i contenitori stessi possano...
Economia Domestica

Guida ai tipi di cottura in pentola a pressione

La cucina è una stanza fondamentale per poter preparare da mangiare. In cucina troviamo i mobili, il frigorifero, la lavastoviglie, la cappa. Ma anche il forno, essenziale per preparare il pollo con le patate, e naturalmente troviamo il lavello. All'interno...
Economia Domestica

5 dritte per usare al meglio un termometro da cucina

Molti sono gli utensili da cucina che vengono utilizzati non solo per cuocere gli alimenti, ma anche per crearne alcuni di vario tipo come ad esempio dolci, primi piatti o secondi deliziosi. Tra i vari attrezzi da poter utilizzare all'interno della propria...
Pulizia della Casa

Come prevenire e combattere la tignola nelle dispense

La tignola è un piccolo insetto che infesta le dispense alimentari all'interno delle quali vengono conservati gli alimenti secchi, come ad esempio: cereali, legumi, frutta secca, farine, biscotti, pasta, ecc... In questa guida saranno illustrati diversi...
Economia Domestica

Idee per avere la cantina sempre in ordine

Se abbiamo una cantina ed intendiamo tenerla sempre in ordine, e quindi poterci muovere agevolmente oltre che trovare facilmente ciò che ci serve, è importante sapere che per massimizzare il risultato, sono necessari alcuni piccoli accorgimenti che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.