Come conservare gli spinaci bolliti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quante volte vi è capitato di andare al mercato per acquistare un chilo di insalata, per poi tornare a casa con tre borse di verdura comprata a basso prezzo e quindi irresistibile dal punto di vista economico? Niente paura, sono cose che possono succedere. In questi casi, la cosa più importante è sapere come trattare la verdura in modo da farla durare più a lungo possibile. In questa guida utilissima vi spiego come conservare nel modo migliore gli spinaci bolliti. Questo tipo di vegetale può infatti essere utilizzato anche alcuni giorni dopo il suo acquisto, se viene trattato nel modo più corretto. Buona lettura e buona preparazione dei vostri piatti, amiche carissime!

25

Lavaggio

Gli spinaci sono una verdura deliziosa che si presta molto bene ad essere conservata. Questi deliziosi vegetali contengono numerose vitamine, specialmente la K e la A, ed il prezioso ferro, che combatte l'anemia. Conservare gli spinaci è molto semplice, basta soltanto conoscere la tecnica più corretta. Gli spinaci tendono per natura a trattenere molta terra, e per questo motivo prima della cottura devono essere lavati molto bene in acqua corrente, aggiungendo mezzo cucchiaino di bicarbonato per ogni litro d'acqua. Per un lavaggio migliore vi consiglio di eseguire questa operazione almeno tre volte, per avere la sicurezza di eliminare ogni traccia di terriccio dalle foglie. Il bicarbonato, tuttavia, è necessario soltanto nel primo lavaggio, per eliminare lo sporco ed i detriti. Quando le foglie di spinaci sono pulite e l'acqua resta limpida, potete scrollare l'acqua in eccesso sopra un tovagliolo, in attesa dell'operazione di bollitura.

35

Bollitura

Portate a bollore una pentola d'acqua, fate cuocere gli spinaci per pochissimi minuti: solitamente, una quarantina di secondi sono più che sufficienti per cuocere gli spinaci mantenendo il loro colore acceso. Scolate gli spinaci con molta cura per eliminare la maggior quantità di acqua possibile, e per terminare l'operazione tuffate gli spinaci in un'altra pentola o contenitore piena di acqua freddissima e cubetti di ghiaccio. Dopo pochi secondi scolate nuovamente gli spinaci e strizzateli molto bene con le mani.

Continua la lettura
45

Conservazione

Quando gli spinaci sono strizzati molto bene ed hanno perso tutta l'acqua in eccesso, metteteli dentro gli appositi sacchetti di plastica per alimenti. Ricordatevi di usare soltanto i sacchetti da freezer, perché sono nati per questo scopo e quindi garantiscono una conservazione maggiore. Cercate di togliere tutta l'aria dai sacchetti e chiudeteli con gli appositi laccetti. Gli spinaci conservati nel freezer durano circa dieci mesi.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il vostro freezer funziona perfettamente gli spinaci si possono conservare anche dodici o tredici mesi: basta soltanto farli cuocere bene dopo la scongelazione

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come congelare, scongelare e consumare gli alimenti

La conservazione dei cibi è fondamentale per garantirne la durata. Esistono moltissime tecniche che permettono agli alimenti di conservarsi nel tempo. Una delle più moderne, oramai irrinunciabile, è quella della congelazione. Surgelare i cibi permette...
Economia Domestica

Mese di marzo: guida agli ortaggi da comprare

Il terzo mese dell'anno è quello che ci conduce verso lo sbocciare della primavera. A marzo, gli inconfondibili colori e sapori di questa stagione, entrano nelle nostre case con tutto il loro carico di naturale bontà. Nel mese di marzo la tavola risulta...
Economia Domestica

Guida alla spesa di stagione: inverno

Nell'ultimo secolo, grazie al progresso tecnologico, è possibile reperire sui banchi del supermercato o del fruttivendolo, frutta e verdura fuori stagione proveniente da chissà dove o più semplicemente prodotta nelle serre. Probabilmente ognuno di...
Economia Domestica

Come preparare un pranzo di Natale veloce ed economico

Le vacanze di Natale sono l'occasione ideale per organizzare tavolate in famiglia. I parenti si radunano per condividere il cibo tra chiacchierate e sorrisi, dopodiché si inizia a ascartare qualche regalo prima dei consueti giochi da tavolo. Insomma,...
Economia Domestica

Come riciclare gli avanzi di verdure

Spesso capita di programmare il proprio menù, di preparare il cibo per la sera, ma poi gli impegni lavorativi immancabilmente non permettono di rientrare a casa e a questo punto addio cena programmata, con la conseguenza che spesso finisce nella spazzatura....
Economia Domestica

10 idee per apparecchiare la tavola di Pasqua

La Pasqua significa anche primavera, cioè la rinascita interiore e fisica. In questo periodo sbocciano i primi timidi fiori e l'aria si fa più tiepida. Per una tavola all'insegna dei colori classici pasquali preferire il giallo, il rosa nelle varie...
Economia Domestica

Come riutilizzare gli scarti delle verdure in cucina

Ridurre gli sprechi è da sempre pratica buona e giusta, riducendo rifiuti e massimizzandone l'utilizzo.Così facendo si andrebbe inevitabilmente a ridurre le spese, sfruttando al massimo ciò che si ha già in casa. La cucina, ad esempio, è il luogo...
Economia Domestica

Come pulire la verdura a foglia

Le verdure a foglia (cavoli, bietole, spinaci ecc.) a volte risultano essere molto sporche. Quindi molto importante pulirle correttamente. Il modo migliore per farlo è quello di immergerle in acqua fredda. Nei passi della guida a seguire troverete diversi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.