Come conservare al meglio il parmigiano

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il Parmigiano è uno dei formaggi più adatti alla lunga conservazione per merito della sua struttura e per il basso contenuto di acqua. Considerato il "re dei formaggi”, è un prodotto caseario ottenuto attraverso de lunghissimi processi di stagionatura che, oltre a garantirne un'elevata conservazione, lo rende pregiato dal punto di vista nutrizionale e gustativo. Tuttavia, occorre seguire alcune regole per conservare il Parmigiano e mantenere inalterate tutte le sue qualità. Vediamo allora come conservare al meglio il Parmigiano.

24

La selezione e l'acquisto del formaggio

La prima regola da seguire è durante la selezione e l'acquisto del formaggio. È importante scegliere delle porzioni di parmigiano in proporzione al consumo della famiglia; se esageriamo nell'acquisto, una permanenza prolungata in frigorifero causerà la formazione della muffa.
Se intendiamo consumarlo in pochi giorni, possiamo scegliere di acquistare una fetta fresca, appena tagliata dalla forma, altrimenti scegliamo delle confezioni sottovuoto. Per un formaggio più giovane (14-16 mesi), quindi più ricco di umidità, la conservazione può arrivare fino a 15 giorni.

34

Conservare in frigorifero

Il Parmigiano non va congelato perché si sgretola durante lo scongelamento, perdendo la sua struttura. Se ne abbiamo una gran quantità e non possiamo consumarlo, è preferibile grattugiarlo prima di disporlo in freezer. Attenzione anche agli sbalzi di temperatura: è sempre opportuno tagliare solo la porzione che consumiamo e riporre subito il restante in frigorifero. Se ad ogni occasione teniamo l'intera fetta sul tavolo per tutta la durata del pasto, le continue variazioni di temperatura faciliteranno il proliferare di agenti contaminanti. Il Parmigiano sottovuoto può essere conservato in frigorifero per diversi mesi, ma è bene prestare attenzione alla data di scadenza, che deve essere obbligatoriamente riportata su tutte le confezioni.

Continua la lettura
44

Utilizzare dei contenitori in vetro o in plastica

È necessario fare molta attenzione anche a dove lo disponiamo, in quanto la sua parte grassa tende ad assorbire gli odori presenti nel frigorifero; onde evitare ciò, è bene utilizzare dei contenitori in vetro o in plastica per isolarlo dagli altri cibi. In alternativa, possiamo optare per le pellicole alimentari, sempre facendo molta attenzione ad avvolgerlo senza sigillarlo. Per il consumo quotidiano, un'ottima soluzione consiste nel fasciarlo con un panno di cotone leggermente inumidito. Quest'ultimo, assorbendo l'umidità in eccesso, evita il formarsi dei depositi d'acqua e le conseguenti muffe che potrebbero generare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come mettere i vestiti sottovuoto

Mettere i vestiti sottovuoto lermette di risparmiare moltissimo spazio, soprattutto per quanto riguarda le cose di grande volume come piumoni, coperte, giacconi. Al contrario di quanto si possa pensare, per fare questa operazione non è necessario acquistare...
Economia Domestica

Come conservare gli alimenti sottovuoto

Quando si sceglie di conservare gli alimenti sottovuoto, si decide di voler adottare una tecnica molto facile e davvero utilissima: essa consente al cibo di mantenere inalterate le sue caratteristiche organolettiche e nutrizionali, ma anche il suo sapore....
Economia Domestica

Come conservare il caffè

Come ben sappiamo, il caffè comincia a perdere la propria freschezza già da subito dopo la tostatura, perché subentrano tanti fattori come: l'aria, l'umidità, il calore e la luce. Perciò è consigliabile consumarlo nel più breve tempo possibile....
Economia Domestica

Come fare la spesa da single

Quando si vive da soli e bisogna curare la casa, è anche importante sapersi gestire dal punto di vista economico ed il miglior modo per farlo è quello di organizzarsi quando si va a fare la spesa. Tra le cose fondamentali da valutare attentamente è...
Pulizia della Casa

Come disporre gli alimenti in frigorifero

In questa guida verranno dati utili consigli su come disporre gli alimenti in frigorifero. Come ben saprete questo elettrodomestico, comunemente presente in tutte le case, ha la funzione di mantenere il cibo al fresco e ben conservato. La temperatura...
Economia Domestica

10 consigli per organizzare il cambio degli armadi

È ormai arrivato il momento del fatidico cambio stagione! Si tratta di un periodo importante per l'ordine domestico, ma spesso non sappiamo nemmeno da che parte iniziare! Ma non dovete preoccuparvi, vi aiuteremo noi! In questa guida vi daremo 10 importanti...
Economia Domestica

Come conservare lo strutto

Come vedremo nel corso di questa guida dedicata alla cucina, lo strutto è un alimento da utilizzare in cucina con parsimonia e soprattutto con poca frequenza, in quanto ricco di grassi anche saturi e dunque poco benefici per il nostro organismo (si tratta...
Economia Domestica

Cosa comprare per una spesa low cost

Per fare la spesa al supermercato, nonostante la convenienza di alcuni prodotti, spesso bisogna fare il conto con il budget a disposizione, per cui conviene optare per una soluzione atta a minimizzare il costo per comprarli. Fare dunque una spesa low...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.