Come calcolare le calorie occorrenti per riscaldare una casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il dimensionamento di un impianto di riscaldamento di una casa, è importante al fine di garantire una buona resa, sia in termini di utilizzo (mantenimento della temperatura interna) che in termini energetici ed economici. Il primo passo, in tale dimensionamento, è quello di calcolare le calorie occorrenti a riscaldare e mantenere una determinata temperatura di un ambiente interno (fabbisogno termico). Tale calcolo vi consentirà di valutare, in seguito, nel caso dei termosifoni, il numero di elementi da posizionare in ogni ambiente. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • planimetria
  • tabella dei valori della trasmittanza limite U
  • tabella dei valori delle temperature esterne
36

Come prima cosa, il calcolo verrà fatto andando a considerare la dispersione di calore sulle superfici che racchiudono l'ambiente tramite la formula: Q = U x S x T dove Q = calore disperso (calorie occorrenti) [watt] S = superficie totale [mq] (pareti pavimenti, solaio, infissi), T= (ti-te) [°C] differenza di temperatura interna (ti) esterna U = trasmittenza [W/mq °C] (è la capacità isolante dei materiali e avrà un valore tanto più bassa quanto più alto sarà l'isolamento). Una volta definita la formula, ed esservi muniti della planimetria dell'ambiente da valutare e quindi delle misure, passate al calcolo della Q, valutando le dimensioni delle superfici di ogni elemento: pareti (misure prese a netto degli infissi), solaio ed il pavimento.

46

Per esempio, dato un locale di 2,90 x 4,37 m con altezza h = 2,70 m, le rispettive superfici sono: parete 1 S1 = 2,90 x 2,7=7,83 mq, parete 2 (è presente una finestra) S2 = 4,37 x 2,7 - 0,8 x 1,00 = 11 mq, pavimento e solaio S4 = 4,37 x 2,90 = 12,67 mq e così via. Una volata che conoscete le dimensioni delle superfici, passate al calcolo delle temperature. Per legge, la temperatura interna viene presa ti = 20° mentre per quella esterna, esiste una tabella di valori in base alle principali località, basta considerare quella più vicina (ad esempio, nel caso di Bologna, la zona climatica è di -5°C).

Continua la lettura
56

Successivamente, resta da calcolare soltanto la trasmittanza U. Tale valore, dipende principalmente dal tipo di materiali, dall'esposizione e da altri valori (trascurati nel vostro calcolo, ma non di fondamentale importanza). Voi però potrete basarvi sulla "Tabella dei Valori limite" che, come le t, è divisa in zone climatiche. Una volta ottenuti i valori, andranno aumentati del coefficiente di esposizione (5% sud, 10% est, 15% ovest, 20 % nord) ottenendo così la trasmittanza netta che utilizzerete nel vostro calcolo. Con quest'ultima operazione, avrete ottenuto tutti i valori necessari per il calcolo completo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Anche se tale calcolo può darvi un idea abbastanza reale dei valori di dispersione termica, è consigliato rivolgersi ad un tecnico per avere dati più rigorosi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come preparare in casa il sapone con la glicerina

A molti di noi piace crearsi gli occorrenti di casa in modo creativo e personale. Sicuramente il sapone ci permette di spaziare, per la varietà di forme, colori e materiali che possiamo utilizzare. Un'idea davvero carina è quella di fare delle saponette...
Ristrutturazione

Isolamento termico infissi: consigli

Molte volte capita che si spendono molti soldi in bollette per gas o energia elettrica perché la propria casa non è ben isolata termicamente. Un buon isolamento permette invece di spendere molto meno, evitando dispersione di calore o spifferi. Inoltre,...
Ristrutturazione

Come scegliere nuovi infissi per risparmiare energia

Al giorno d'oggi, scegliere degli infissi per la propria casa rappresenta un'operazione di estrema importanza, e non solo dal punto di vista estetico. È dimostrato, infatti, che la principale fuga di calore dall'interno dell’abitazione verso l’esterno...
Ristrutturazione

Consigli per la progettazione di un solaio

Se nella nostra casa o sul terrazzo intendiamo realizzare un solaio ex novo, è importante studiare attentamente la tipologia di posa, i materiali da utilizzare e tutto ciò che serve per renderlo stabile, sicuro e soprattutto funzionale, specie dal...
Ristrutturazione

Come realizzare un solaio in legno

Il legno è un materiale abbastanza indicato e sicuro se si vuole realizzare un solaio. Generalmente vengono adoperate le travi per ricoprire l'intera area della superficie. È opportuno adoperare il lato minore soltanto per i locali che hanno una forma...
Ristrutturazione

Come Posare un tavolato in un solaio

Il solaio costituisce una delle parti più importanti di una casa, e svolge una funzione importante di protezione, oltre a dare una certa stabilità all'edificio. La sua costruzione richiede molta attenzione e cura dei dettagli, per questo è bene sapere...
Ristrutturazione

Come ristrutturare il solaio di un rustico

Risparmiare rende certamente la ristrutturazione un'attività sempre più di primo piano fra i proprietari di immobili. D'altra parte, aggiustare ciò che è già presente nel locale è meglio che costruire da zero. Innanzitutto è più economico, più...
Ristrutturazione

Come realizzare un solaio allegerito

Questo articolo tratta un argomento molto interessante su come realizzare un solaio alleggerito. Vedremo in pochi e semplici passi quali saranno le possibili soluzioni, quali i materiali e quali i vantaggi e gli svantaggi. Partiamo con le soluzioni che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.