Come attenuare l'odore di fritto in cucina

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Quante volte dopo aver cucinato ci si trova con una fastidiosa puzza in cucina! Un'ottima frittura di pesce vale il prezzo di una casa invasa da un incredibile odore che non vuole proprio andare via? È possibile comunque coniugare il buon cibo con un ambiente domestico assolutamente neutrale e profumato. A tal proposito, nella seguente guida vi sarà spiegato proprio come attenuare l'odore di fritto in cucina.

26

Occorrente

  • una mela
  • spray mangia-odore
36

Già mentre cucinate, se il tempo ovviamente lo permette, aprite le finestre della vostra cucina. Cercate di creare una corrente d'aria, in modo che entri da una parte e conseguentemente si porti via l'odore. Se avete un aspiratore attivatelo alla massima potenza fin da subito. Non aspettate che cominci la puzza, a questo punto è già tardi. Un ottimo metodo naturale, in aggiunta, è il seguente. Prendete una mela e lavatela bene prima di accingervi a friggere. Tagliatela a fette di circa mezzo centimetro di altezza senza sbucciarla, ma state attenti a rimuovere i semi.

46

Fate quindi scaldare bene l'olio per friggere e inserite per prima cosa una parte del frutto, poi il cibo che volete friggere. Continuate a friggere normalmente come fate di solito, ma date sempre un'occhiata alla fetta di mela precedentemente inserita. Non appena diventa perfettamente dorata toglietela dalla padella e mettetene un'altra proseguendo quindi nella vostra frittura. Ovviamente se state friggendo molto avrete bisogno eventualmente di altre mele: il numero è proporzionale al volume di cibo. Una volta finito di friggere, liberatevi il prima possibile dell'olio e, se non avete intenzione di lavare la padella immediatamente, potete lasciarla fuori da una finestra, su un balcone o in giardino, affinché l'odore sprigionato dall'olio non inondi la vostra casa.

Continua la lettura
56

I fornelli devono essere lavati il prima possibile, poiché saranno probabilmente pieni di schizzi di olio caldo. Potete anche comprate una bomboletta spray mangia-odori e liberare due o tre buffetti di profumo (non di più, altrimenti diventa controproducente, creandosi una sensazione sgradevole). Continuate a mantenere le finestre aperte fino a completo ricircolo di aria. Tenete in considerazione che dopo due o tre minuti che siete in una stanza le vostre narici non sentono più profumo o puzza. Per cui, per essere sicuri che in casa non sia residuato un cattivo odore, uscite all'aperta per un paio di minuti e rientrate. A livello olfattivo non dovreste sentire nessuna differenza. Buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tenete in considerazione che dopo due o tre minuti che siete in una stanza le vostre narici non sentono più profumo o puzza.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come friggere le patatine fritte

Le patatine fritte rappresentano senza dubbio uno degli alimenti più amati ed apprezzati sia dai grandi che dai più piccoli. Tuttavia esse devono essere fritte in un determinato modo per aver il sapore e il gusto perfetti. Nella seguente guida pertanto...
Pulizia della Casa

Idee per profumare la casa con prodotti naturali

Una casa profumata è indice di pulizia e di cura degli ambienti interni. Molto spesso l'olezzo è causato da una cattiva gestione delle faccende domestiche: non si lascia respirare una stanza, non si aspira la polvere da tendaggi e tappeti, la muffa...
Pulizia della Casa

Come eliminare i cattivi odori

Quante volte ci troviamo a cucinare dei cibi che sprigionano un odore non proprio gradevole, come per esempio broccoli e cavoli e non solo, anche gli animali domestici che teniamo in casa, anche se scrupolosamente ci dedichiamo allo loro pulizia quotidiana...
Economia Domestica

Come scegliere una friggitrice ad aria

La friggitrice ad aria non è un elettrodomestico la cui caratteristica è quella di friggere senza l'utilizzo dell'olio o quasi. Ciò è possibile grazie ad una ventilazione diffusa sulla vaschetta antiaderente che, con una pala centrale o l'aria a temperatura...
Pulizia della Casa

Come eliminare l’odore di fumo dalla casa

L'odore di fumo è uno dei principali nemici non solo di molte persone che lo tollerano poco, ma anche di ambienti, superfici e tessuti. Infatti oltre ad essere sgradevole, è molto difficile da eliminare e li impregna con una nota stantia forte e persistente....
Economia Domestica

5 consigli per usare al meglio il wok

Il wok è una padella di origine cinese con un fondo arrotondato, molto profonda e con i lati obliqui, e strutturalmente è fatto di acciaio, ghisa o alluminio disponibile in una varietà di formati. Il wok è un recipiente ideale per fare ad esempio...
Arredamento

Come arredare con i pannelli fonoassorbenti

Se la realtà in cui si vive è particolarmente rumorosa perché la casa è ubicata in un quartiere piuttosto chiassoso o perché nelle vicinanze si trovano scuole ed ospedali si ha l'esigenza di avere qualcosa che isola i rumori invadenti ed assordanti....
Economia Domestica

Consigli e alternative per un bucato ecologico

Bisogna pensare tutto quel che si fa in visione ecologica. L'ambiente in cui viviamo ormai è altamente saturo di inquinamento, di conseguenza vanno presi provvedimenti importanti per cercare di attenuare il forte inquinamento che ormai sta devastando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.