Come arredare con oggetti di modernariato

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il termine "modernariato" è stato coniato recentemente ed è il risultato di due parole: moderno ed antiquariato. Quando si parla di modernariato, ci si riferisce dunque a tutti quegli stili ed oggetti di antiquariato nati nell'epoca moderna, ovvero a partire dagli anni '30 fino ad arrivare ai più vicini anni '60 e '70. Mescolando stili antichi e moderni si contribuisce a creare un ambiente personalizzato e multistrato, che riflette il gusto unico e la personalità del proprietario. Tuttavia, molte persone aderiscono ad uno stile specifico quando devono arredare le loro case. È il caso del modernariato: nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo proprio come arredare con oggetti che appartengono a questo particolare stile.

25

Acquistare gli oggetti di modernariato

Il primo passo da fare per arredare le stanze di un appartamento con gli oggetti di modernariato è senza dubbio quello di saperli reperire e riconoscere. Nel primo caso, oltre ai mercatini dell'antiquariato, si può dare un'occhiata alle aste online, dove a volte ci sono dei veri e propri capolavori, come per esempio oggetti disegnati da architetti del calibro di Joe Colombo o professionisti del design come Achille Castiglioni.

35

Disporre gli oggetti in modo casuale

Il primo metodo per scegliere e sistemare gli oggetti vintage nella propria abitazione, può essere quello completamente casuale, ossia non rispettando un ordine geometrico ma affidandosi all'intelligenza visiva e al proprio gusto personale. Per esempio una poltrona color rosso carminio potrebbe stare bene nel salotto, l'entrata potrebbe avere un appendiabiti color blu elettrico e ancora i soprammobili essere sparsi sul mobilio con dei centrini anonimi e così via.

Continua la lettura
45

Esporre gli oggetti in una vetrina

Il secondo metodo invece è quello che prevede l'esaltazione totale degli oggetti di modernariato, per far questo basta usare delle vetrinette per poterli esporre, meglio se in una zona della casa soleggiata per far sì che la luce li possa far emergere ancora di più. In quest'ultimo caso, bisogna prestare attenzione al colore e al materiale della teca però, in quanto se nero o di legno, potrebbe far molta polvere e con la luce del sole il risultato sarebbe antiestetico. In ogni caso, qualsiasi sia la strada con cui si sceglie di arredare con oggetti di modernariato, basta affidarsi al proprio gusto personale e un pizzico di inventiva: non si deve avere il timore di osare con macchine da scrivere antiche, telefoni con i lucchetti e portagioie dai colori arrugginiti, dopotutto il vintage rappresenta, paradossalmente, la novità!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come arredare il salotto in stile vintage

Bisogna ammetterlo, il salotto è il luogo in cui ogni individuo esprime tutto sé stesso: basti guardare il salotto di casa nostra per capire il nostro carattere, temperamento persino i nostri desideri e le nostre aspirazioni. Tra i vari stile di arredamento...
Arredamento

Come scegliere una poltrona vintage

Arredare la propria abitazione è preparare un ambiente che ci dia calore, sia di nostro gusto e manifesti la nostra personalità. Chi ama la semplicità, ma allo stesso tempo non sa rinunciare agli stili degli anni passati non può che impreziosire la...
Arredamento

Come arredare un soggiorno in stile country

Lo stile country attraverso i materiali, i colori, ripropone lo stile d'arredamento che si usava una volta nelle case di campagna. Oggi sempre più persone sono affascinati da questo modo di arredare la casa e, cercano di attuarlo anche per quanto riguarda...
Arredamento

Guida all'acquisto di mobili d'antiquariato

I mobili antichi coniugano la storia all'artigianalità, conferendo un tocco prezioso agli ambienti che li ospitano. Tuttavia, prendersene cura nel modo giusto spesso può risultare difficile quanto sceglierli.Ecco un'utile guida all'acquisto di mobili...
Arredamento

Come riconoscere l'argenteria d'antiquariato

Come è possibile riconoscere l'argenteria che è d'antiquariato? Per capire qual è l'argento antico, gli appassionati ed i collezionisti ricercano ed esaminano le origine dei pezzi dell'argenteria, in modo da determinare lo stile, la data, ed il paese...
Arredamento

Come arredare un soggiorno in stile vintage

Arredare casa è sempre un bel dilemma. Esistono così tanti stili e modi di arredare la propria abitazione che certe volte decidere quale è meglio potrebbe essere un bel problema. Negli ultimi anni sta andando molto di moda, il grande ritorno dello...
Economia Domestica

5 consigli per abbinare dei complementi vintage

A tutti gli arredatori ed i collezionisti di ogni tempo, agli architetti ed ai designers, sappiate che piacciono i complementi vintage. Giradischi, lumi, portacandele o tappeti. Tutto ciò che proviene dal passato e non è considerato antiquariato può...
Arredamento

Come dare un tocco vintage alla casa

Nell'ultimo periodo si parla sempre più di "vintage": ovunque nascono negozi di design e di arredamento specializzati in questo genere di stile ed è facile correre il rischio di cadere in confusione o, peggio ancora, finire con l'acquistare elementi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.