Come aprire un riccio di mare

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I ricci di mare sono dei particolari organismi marini rinomati per il loro forte e inconfondibile sapore quando vengono cotti. Tuttavia data la loro particolare conformazione, risulta decisamente complicato aprirli. In questa guida vogliamo illustrarvi come aprire un riccio di mare e gustarlo in tutta la sua inimitabile bontà.

25

Occorrente

  • Riccio di mare, coltellino, forbici, forchetta.
35

Utilizzare una forchetta

Ci sono diversi modi per aprire i ricci di mare. Il più semplice è quello di far entrare un dente di una forchetta attraverso il guscio vicino alla bocca del riccio, ed iniziare un movimento rotatorio proprio come fosse un apriscatole. Quando il cerchio è completo, l'intero fondo si stacca in due parti. Alcune persone per aprire un riccio di mare preferiscono utilizzare un vecchio coltello o delle forbici; tuttavia se abbiamo le mani morbide e delicate e non vogliamo rischiare di essere trafitti dalle spine del riccio, potremmo indossare un guanto robusto sulla mano che tiene fermo il riccio.

45

Fare leva con un coltello

Un ulteriore tecnica consiste nel prendere un coltello a seghetto del tipo utilizzato per tagliare il pane ed iniziare ad intaccare la superficie del riccio con un'incisione a croce. Al termine, con una pietra, basterà colpire un punto qualsiasi del riccio e l’involucro si spaccherà. In questo modo, aiutandoci con una forchetta infilata all'interno del guscio, potremo asportare la polpa e riporla in un bicchierino prima di consumarla. A questo punto se amiamo mangiare i ricci di mare al naturale, non ci resterà che gustarli con un cucchiaino prelevando tutta la polpa, magari facendoci sopra una spremuta di limone per stemperare il sapore leggermente dolciastro. Questo è in assoluto il miglior modo per aprire un riccio di mare e godere di tutto il sapore genuino, senza farsi male o correre il rischio di pungersi con le sue naturali spine che in mare servono al riccio per arrampicarsi, camminare e proteggersi dai predatori marini.

Continua la lettura
55

Prelevare la polpa

A questo punto se amiamo mangiare i ricci di mare al naturale, non ci resterà che gustarli con un cucchiaino prelevando tutta la polpa, magari facendoci sopra una spremuta di limone per stemperare il sapore leggermente dolciastro. Questo è in assoluto il miglior modo per aprire un riccio di mare e godere di tutto il sapore genuino, senza farsi male o correre il rischio di pungersi con le sue naturali spine che in mare servono al riccio per arrampicarsi, camminare e proteggersi dai predatori marini. Come visto, vi sono diversi modi che è possibile utilizzare per aprire un riccio marino. Ma non scoraggiatevi alle prime difficoltà: questa operazione infatti, decisamente non semplice, verrà certamente affinata nel tempo. È solo una questione di pratica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come raccogliere e pulire i fichi d'india

I fichi d'india sono piante di origine americana. Essi sono presenti nell'area mediterranea e crescono in zone esposte al sole con terreni rocciosi. È un frutto ricco di fibre, sapore, vitamine e sali minerali; inoltre sembra che sia addirittura curativo,...
Arredamento

Decorazioni per la casa per chi ama il mare

Si dice che chi nasce in una città bagnata dal mare ami così tanto il paesaggio da essere attratto da qualsiasi cosa che lo ricordi, in un modo o nell'altro. Un quadro, una collezione di conchiglie devono essere possedute per riaccendere nel profondo...
Arredamento

Come arredare un'enoteca

L'enoteca è il posto dove il vino è il protagonista assoluto e viene valorizzato in tutte le sue proprietà. Gli intenditori possono assaporare e degustare diverse varietà e qualità, apprezzando le differenze. L'allestimento dei locali è essenziale...
Arredamento

Come rinnovare una sedia

Le sedie, a differenza degli altri mobili, sono sottoposte a delle prove molto dure, cioè potrete riscontrare un certo "gioco" tra le loro parti che si scollano. In questo caso, è necessario ripararle, onde evitare che possano diventare molto pericolose....
Ristrutturazione

Come riparare le porte

Tutte le porte in casa, con il trascorrere del tempo, si deformano per diversi motivi. I colpi, l'eccessivo calore prodotto dal riscaldamento, il contenuto di umidità nel legno, l'accumulo di vernice, sono le cause principali dei loro difetti. Per ovviare...
Pulizia della Casa

Come effettuare la normale pulizia di un acquario d'acqua dolce

La pulizia di un acquario è un'operazione importantissima, da ripetere almeno una volta al mese, per garantire la buona salute e la sopravvivenza dei pesci. Non curando questo aspetto, i pesci si ammalano facilmente, perdono la vitalità, il colore....
Economia Domestica

Peperoncino in cucina: ricette e consigli

Il peperoncino è una spezia abbastanza conosciuta; essa viene utilizzata spesso per la preparazione di ricette alimentari. Inoltre, è un eccellente antiossidante ricco di vitamina C ed è consigliato anche per combattere infezioni e raffreddori. In...
Pulizia della Casa

Come togliere la lacca per capelli dal ferro da stiro

Al giorno d'oggi usare la piastra o il ferro stiro per capelli non è una novità, anzi questo piccolo elettrodomestico ci aiuta sempre nel fare acconciature alla moda. Il più delle volte ci ritroviamo a lisciare i capelli per essere perfette e poter...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.